Diritti tv Serie A, l’offerta di DAZN piace ai presidenti: vicina la svolta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:52
0

Ad una svolta la questione dei diritti tv del campionato di Serie A per il triennio 2021-2024, l’offerta di DAZN piace ai presidenti dei club. Vicina la soluzione.

L’emittente DAZN vicina ad aggiudicarsi i diritti della Serie A

I vertici della Lega si sono presi altri due giorni per decidere e giovedì dovrebbero sciogliere le riserve. DAZN sta per soffiare i diritti a trasmettere il grosso della partite a Sky. L’emittente, come già anticipato da Meteoweek, era in vantaggio sulla concorrenza nella prima fase delle trattative e l’offerta appena presentata sembra aver messo tutti d’accordo.

Diritti tv, le cifre di DAZN

Le trattative private hanno confermato il sorpasso di Dazn a Sky. L’offerta complessiva è da 840 milioni a stagione. In particolare sono 740 milioni per 7 partite a giornata su ogni piattaforma (pacchetto 1) e 100 per le restanti 3 solo su piattaforma streaming (pacchetto 3).

Sky si è fermata a 750 milioni per tre pacchetti e dunque 90 milioni in meno, soldi che fanno gola all’intero movimento calcistico soprattutto in questo periodo di pandemia. Diversi i presidenti che si sono espressi favorevolmente rispetto l’offerta di DAZN, dal numero 1 della Juventus Andrea Agnelli a quello del Torino Urbano Cairo, tutti concordi nel valutare con attenzione le cifre proposte dall’emittente fondata nel Regno Unito.

La decisione è dunque attesa per giovedì e potrebbe essere storica perché Sky potrebbe perdere per la prima volta il grosso delle partite della massima serie.

Leggi anche: De Siervo: “Amazon interessato ai diritti della Serie A. Stadi? Piano per i vaccinati”