Sampdoria: Keita, Caprari e quei riscatti costosi e non facili

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:43

L’attacco è al centro dei pensieri della Sampdoria che verrà, le prime questioni da risolvere sono i riscatti di Keita e Caprari.

Sampdoria Keita
L’attaccante della Sampdoria Keita Balde, 25 anni (Credits: Getty Images)

I due giocatori sono stati assoluti protagonisti della sfida tra i blucerchiati e il Benevento di domenica scorsa. L’ex di turno ha segnato il gol che ha portato in vantaggio i campani a inizio ripresa, l’attaccante di Ranieri ha invece infilato in rete la palla dell’1-1 a dieci minuti dalla fine. Due firme sul presente in attesa di capire cosa succederà in futuro. I due giocatori sono in prestito con diritto di riscatto, stanno facendo bene ma su di loro pende la spada di Damocle di una cifra alta per restare dove sono.

LEGGI ANCHE: Sampdoria, Ranieri dopo il Benevento: “Mi dispiace, non abbiamo dato tutto”

Keita-Sampdoria: per il riscatto servirà uno sforzo

Il Secolo XIX analizza oggi la situazione legata a Keita Balde che in questa stagione ha segnato quattro gol e fornito un assist in dieci presenze in serie A, solo in cinque però è partito da titolare. L’ex Lazio è stato stoppato prima dal Coronavirus, poi da un problema muscolare che lo ha tenuto ai box per sei gare, due incidenti che lo hanno frenato. Ora la forma fisica è quasi al top e Keita è l’uomo che accende le partite blucerchiate grazie alla sua velocità e a quella tecnica che da sempre ha illuminato gli occhi degli allenatori che lo hanno gestito.

Fosse per la Samp e soprattutto per Ranieri, non ci sarebbero dubbi sulla permanenza, ma di mezzo c’è il Monaco. La squadra francese, da cui il giocatore è arrivato a Genova in prestito, ha fissato un diritto di riscatto vicino ai 10 milioni. Non pochi, ma nemmeno tantissimi se si guardano le qualità della punta. Oltre al prezzo del cartellino ci sarà da trattare sullo stipendio. Keita al Monaco ha un ingaggio da 4 milioni che al momento pagano ancora in parte i monegaschi. Se vorrà rimanere l’ingaggio dovrà essere abbassato o spalmato su più anni, sempre che il giocatore accetti una di queste due soluzioni.

La telenovela Caprari

I soldi per il riscatto di Keita, almeno in parte, potrebbero arrivare da Gianluca Caprari il cui riscatto è fissato intorno a 7,5 milioni di euro. A gennaio la Samp avrebbe acconsentito ad uno sconto per la cessione a titolo definitivo, ma il Benevento non ha voluto approfondire il discorso. Così in estate si tornerà al tavolo delle trattative, ma non è escluso che il giocatore torni a Genova.