Siviglia, Lopetegui: “Sconfitta immeritata, in Germania per vincere”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:34

L’allenatore del Siviglia Lopetegui parla dopo la sconfitta interna 3-2 contro il Borussia Dortmund nell’andata degli ottavi di Champions League.

Siviglia Lopetegui
L’allenatore del Siviglia Lopetegui durante la sfida con il Borussia

E’una sconfitta che brucia perché arriva in un momento in cui gli andalusi stavano viaggiando a ritmi altissimi. Nove le sfide senza sconfitta prima di questa sera, quarto posto in Liga e una difesa di ferro che però è si è sciolta davanti allo strapotere offensivo degli attaccanti del Borussia. Sancho sulla destra ha fatto il bello e il cattivo tempo, al resto ha pensato Haaland con la sua doppietta nell’ultimo quarto d’ora della prima frazione. Il tecnico degli andalusi Lopetegui commenta così la gara: “Il risultato non è buono, perdere in casa contro una squadra come il Dortmund non è mai positivo, ma manca ancora la gara di ritorno. Andremo in Germania per vincere. Penso che non meritassimo di perdere stasera e soprattutto credo che andare sotto 3-1 all’intervallo sia stata una punizione eccessiva”.

LEGGI ANCHE: Siviglia-Borussia Dortmund 2-3, cronaca, tabellino, voti

Lopetegui amaro, il Siviglia poteva pareggiare

Nelle dichiarazioni riprese dal sito spagnolo El Desmarque c’è grande rammarico da parte dell’allenatore spagnolo; “Nel secondo tempo ci siamo ripresi e abbiamo avuto possibilità di pareggiare la gara”. Una battuta Lopetegui la rilascia anche sull’arbitro della sfida: “ha fissato un altissimo livello di aggressività. In Europa ti permettono alcune cose, che in Liga non fanno”.

Restano da giocare ancora novanta minuti, nella tana del Borussia Dortmund e con un gol da recuperare. Insomma il Siviglia dovrà fare l’impresa, ma Lopetegui non si arrende: “ci sono cose positive anche in questa partita, nella ripresa ci siamo rifatti giocando nella loro metà campo, andremo in trasferta con la convinzione di poter vincere”. Sperando magari che i vari Haaland, Sancho e Reus non siano in giornata di grazia come questa sera, e che Suso, Gomez e tutti gli altri andalusi trovino il modo per ribaltare un verdetto che dopo questa sera si è colorato nettamente di giallonero.