Benfica-Arsenal 1-1: Saka risponde a Pizzi, la cronaca

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:55

Benfica-Arsenal vive all’insegna dell’equilibrio. Succede tutto in quattro minuti nel secondo tempo: prima il calcio di rigore del centrocampista portoghese, poi il pareggio dei Gunners.

benfica-arsenal
L’esultanza dell’Arsenal in una gara europea di questa stagione – meteoweek.com (Photo by Charles McQuillan/Getty Images)

Benfica-Arsenal | Cronaca della sfida

Benfica e Arsenal si dividono un gol a testa e si danno appuntamento alla gara di ritorno tra sette giorni, per decretare la squadra che approderà agli ottavi di finale di Europa League. Una partita, quella disputata nello scenario dello stadio Olimpico di Roma, particolarmente equilibrata e che si è risolta nei primi minuti del secondo tempo.

Nel primo tempo la prima vera palla gol ce l’ha Aubameyang, che però non riesce a concretizzare dopo 19 minuti. Poco prima della fine della prima frazione c’è la palla gol più ghiotta, quella concretizzata da Smith-Rowe: questa volta, però, c’è da sottolineare la grande parata da parte di Helton. Il portiere del Benfica si oppone anche a Gabriel sugli sviluppi di un calcio d’angolo, chiudendo in bellezza il primo tempo.

Poche tracce della formazione lusitana nel primo tempo, poi in avvio di ripresa la musica cambia. Dopo sette minuti Smith-Rowe rischia di rovinare una buona prova con un fallo di mano che porta al calcio di rigore: dal dischetto Pizzi batte Leno e porta i suoi in vantaggio. La gioia per i padroni di casa dura appena quattro minuti: Saka si fa trovare pronto a centro area e batte Helton. Cakir vuole vederchi chiaro e va al VAR, ma non c’è fuorigioco, bensì l’1-1. Leno deve superarsi su Rafa, poi Aubameyang ci riprova ma senza successo.

L’ultima palla gol ghiottissima della partita ce l’ha Everton, la cui conclusione esce di pochissimo. Appuntamento tra sette giorni all’Emirates Stadium di Londra.

Tabellino

BENFICA-ARSENAL 1-1

Marcatore: 54′ rig.Pizzi, 58′ Saka

BENFICA – Helton, Otamendi, Verissimo (77′ Chiquinho), Vertonghen, Gonçalves, Weigl, Taarabt (77′ Gabriel), Grimaldo, Pizzi (64′ Seferovic), Waldschmidt (46′ Rafa), Darwin Nuñez (64′ Everton). A disposizione: Svilar, Vlachodimos, Gilberto, Cervi, Pedrinho, Nuno Tavares, João Ferreira. Allenatore Jorge Jesus.

ARSENAL – Leno, Bellerin, David Luiz, Gabriel, Cedric (64′ Tierney), Ceballos (90′ Elneny), Xhaka, Saka, Odegaard (90′ Willian), Smith-Rowe (77′ Martinelli), Aubameyang (77′ Pepé). A disposizione: Ryan, Hein, Chambers, Holding, Pablo Marì, Lacazette, Nketiah. Allenatore Mikel Arteta.

NOTE – ammonito Smith-Rowe

Benfica-Arsenal | Presentazione della sfida

Tra BenficaArsenal ci si gioca una delle partite più interessanti, nel programma dei sedicesimi di finale di Europa League. Stiamo parlando di due squadre con una grande tradizione, sia nei rispettivi campionati che a livello internazionale. E poi c’è lo scenario atipico ma pur sempre interessante dello stadio Olimpico di Roma, il campo scelto per far disputare la gara. Il Governo portoghese non ha consentito agli inglesi di toccare il suolo lusitano, pertanto si giocherà in campo neutro.

La formazione guidata da Jorge Jesus sta vivendo letteralmente una stagione a due facce. Il Benfica sta disputando uno dei campionati più anonimi della sua storia recente, visto che attualmente si trova al quarto posto con ben 13 punti di distacco dalla capolista Sporting Lisbona. In Europa, invece, è tutta un’altra musica visto che la compagine lusitana ha fin qui effettuato un percorso straordinario nel proprio girone, vinto senza troppe discussioni. Ma quale versione del Benfica vedremo questa sera nella Capitale italiana?

Di contro ci sono i Gunners, che per qualche giornata di Premier League hanno fatto quasi pensare di essere addirittura in lotta per la salvezza. Ci sono voluti tredici punti nelle ultime nove partite (in ogni caso non un ruolino di marcia da big) per risollevare un po’ la squadra allenata da Mikel Arteta. Anche in questo caso c’è stata una certa rivalsa in campo continentale, con l’Arsenal che ha gestito bene l’impegno nella fase a gironi. Anche in questo caso vedremo se le condizioni mentali e psicologiche saranno realmente in crescita come sembra.

Probabili formazioni

I problemi di formazione del Benfica riguardano soprattutto la fase difensiva, visto che non ci saranno Andre AlmeidaJardel, entrambi out per infortunio. Si tratta di fatto di metà della linea arretrata a disposizione di Jorge Jesus, che dovrà fare di necessità virtù. Davanti al portiere Vlachodimos ci saranno Gonçalves sulla fascia destra e l’argentino Otamendi al centro, al fianco di Vertonghen. In mezzo al campo spazio per l’estro di Taarabt e la corsa sulle fasce di SilvaPizzi, mentre in attacco ci saranno ancora SeferovicNuñez.

BENFICA – Vlachodimos, Gonçalves, Vertonghen, Otamendi, Grimaldo, Silva, Taarabt, Weigl, Pizzi, Nuñez, Seferovic. Allenatore Jorge Jesus.

Per quanto riguarda l’Arsenal, mister Arteta dovrebbe confermare la linea seguita fin qui in Europa. Ci sarà il consueto mix di titolari e rincalzi in campo dal primo minuto all’Olimpico. In porta conferma per Leno, in ottima forma nelle ultime gare, mentre Cedriprenderà il posto dell’infortunato Tierney sulla fascia sinistra di difesa. In mezzo al campo spazio per il tandem composto da XhakaDani Ceballos, vista la perdurante assenza di Partey. L’unica punta sarà Aubameyang, con Lacazette in panchina: alle spalle del gabonese ci saranno SakaSmith-RowePepé.

ARSENAL – Leno, Bellerin, David Luiz, Gabriel, Cedric, Xhaka, Ceballos, Pepé, Smith-Rowe, Saka, Aubameyang. Allenatore Mikel Arteta.

ARBITRO – Cuneyt Cakir (Turchia). Assistenti: Duran-Ongun. Quarto uomo: Ozkahya. VAR: Irrati (Italia).

Rivivi il prepartita

Benfica-Arsenal | Precedenti e curiosità

La sfida tra Benfica e Arsenal si è già vista nella storia recente del calcio europeo. Per l’esattezza le due squadre si sono affrontate in Coppa dei Campioni nella stagione 1991/92. Nel secondo turno ci fu il pareggio per 1-1 nella gara di andata disputata a Lisbona, con i gol di Isaias per i padroni di casa e di Campbell per gli ospiti. Anche al ritorno si verificò un 1-1 nei 90 minuti, con le reti di Pates e il solito Isaias. Si andò ai supplementari, in cui ci fu il blitz dei lusitani con un’altra rete dell’attaccante e il sigillo finale piazzato da Kulkov.

Attualmente c’è un solo ex ed è a dir poco insospettabile. Stiamo parlando di Chris Willock, ala inglese dell’Arsenal che nella stagione 2017/18 ha giocato nella formazione B del Benfica.