Rinvio di Toro-Sassuolo e Lazio-Toro: ore calde, tamponi di oggi decisivi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:03

Al Toro attesa dei nuovi tamponi. C’è un evidente rischio focolaio che induce alla massima prudenza: quasi certo lo stop alla gara di venerdì col Sassuolo, rischia di saltare anche Lazio-Toro

Il Gallo Belotti (Photo by Pier Marco Tacca/Getty Images)
Il Gallo Belotti (Photo by Pier Marco Tacca/Getty Images)

 

Purtroppo ci risiamo. Il Coronavirus torna a fare danni dal punto di vista sanitario, sociale, sociologico, psicologico, economico e…sportivo. Un anno dopo, punto e a capo. La giostra è destinata a fermarsi almeno per un po’ per quanto riguarda il Torino: troppo alto il rischio-focolaio dopo le ultime positività accertate ieri. Un caos che ha portato il club granata addirittura a sospendere l’allenamento a soli tre giorni da Toro-Sassuolo. La situazione sembra davvero fuori controllo: Ora secondo Repubblica e molte altre testate nazionali i giocatori positivi al Covid nel Toro sono saliti a sette, ovvero ci sono quattro nuovi positivi dopo Linetty, Murru e Buongiorno. Oltre a Belotti, sono stati fatti i nomi di Singo, Bremer (tampone dall’esito contrastante, pare) e Baselli. Sarebbe stato contagiato anche il medico sociale Daniele Mozzone. Ricordiamo che i club hanno scelto di non svelare l’identità dei calciatori positivi.

Perchè le società non rivelano i nomi dei calciatori positivi

Lo dice chiaramente il regolamento stilato dal Garante per la privacy: ““I datori di lavoro, nell’ambito dell’adozione delle misure di protezione e dei propri doveri in materia di sicurezza dei luoghi di lavoro, non possono comunicare il nome del dipendente o dei dipendenti che hanno contratto il virus a meno che il diritto nazionale lo consenta”. In aggiunta si dice: “In base al quadro normativo nazionale il datore di lavoro deve comunicare i nominativi del personale contagiato alle autorità sanitarie competenti e collaborare con esse per l’individuazione dei contatti stretti al fine di consentire la tempestiva attivazione delle misure di profilassi”. Il mondo del calcio ha comunque più trasparenza rispetto altre aziende e spesso i nomi saltano fuori, semplicemente perchè le società diramano la lista dei convocati, depennando in automatico i calciatori positivi che diventano così palesi.

Tamponi Toro, cosa può succedere

Oggi l’esito dei nuovi tamponi consegnerà tutte le risposte che mancano. E probabilmente arriveranno le decisioni: stop a Toro-Sassuolo (venerdì) e Lazio-Toro (turno infrasettimanale del 2 marzo). Il Toro trattiene il fiato perché il numero di positivi potrebbe salire ancora. La squadra, quel che resta, è nella cosiddetta bolla, mentre i contagiati – alcuni hanno sintomi – sono tutti costantemente monitorati. L’Asl monitorerà attentamente l’evolversi della situazione. Pronta ad intervenire per il bene di tutti.

Leggi anche >   Ultim’ora, caos Toro: possibile focolaio, sospeso l’allenamento. Gara a rischio?