Udinese, Pozzo chiede di più: “Il nostro obiettivo non è la salvezza”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:39
0

Il proprietario dell’Udinese Giampaolo Pozzo ha parlato degli obiettivi del club bianconero, che negli ultimi anni non sono stati raggiunti. 

Giampaolo Pozzo, proprietario dell'Udinese. Getty Images
Giampaolo Pozzo, proprietario dell’Udinese. Getty Images

L’Udinese, con Luca Gotti, in panchina sta vivendo un’altra stagione tranquilla dal punto di vista della lotta salvezza. I bianconeri si trovano attualmente al decimo posto, ben lontani dalle zone calde della classifica. Risultati positivi per i friulani che, però, non soddisfano appieno il proprietario del club Giampaolo Pozzo che ai microfoni di Udinese Tv ha dichiarato: “Come società, nonostante i risultati ottenuti nelle ultime annate non siano stati secondo i programmi, dopo 26 anni di Serie A vorremmo avere una classifica che sia nella fascia dei primi 10, questo è il nostro obiettivo da tempo”. 

Leggi anche: Udinese, Gotti: “Forse ho valutato male la stanchezza dei miei”
Leggi anche: Genoa-Udinese 1-1 cronaca, voti, tabellino, classifica

Il patron bianconero ha proseguito: “Abbiamo avuto tante vicissitudini e abbiamo investito di più negli ultimi due anni, nonostante ciò i risultati non sono stati eclatanti. Quest’ultimo anno è successo di tutto con la pandemia e le problematiche che conosciamo, il fatto di essere lì con una classifica buona, che speriamo di migliorare, fa sì che possiamo ritenerci abbastanza soddisfatti. L’obiettivo non è la salvezza: siamo qui non per soffrire ma per divertirci assieme ai tifosi, se non ci siamo riusciti delle volte non siamo stati abbastanza bravi”. 

Udinese, Pozzo e l’assenza dei tifosi negli stadi

Pozzo ha poi parlato della problematica legata all’assenza dei tifosi negli stadi: “Mi preoccupa continuare senza tifosi e che questo crei una disaffezione, perdendo quel pubblico, essenziale per noi e per la squadra, che si era consolidato negli anni. Il pubblico è tutto ed io non mi abituo senza. Bisogna stare attenti al fatto che non cambino le abitudini e che non si segua più il calcio con la passione avuta sin qui. A Udine, con gli apparati testati in Udinese-Fiorentina, credo che 10.000 tifosi possano tranquillamente entrare alla Dacia Arena in assoluta sicurezza”. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here