Inter, emergenza Covid: dopo D’Ambrosio positivo un titolare inamovibile

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:37
0

Emergenza Covid in casa Inter: dopo Danilo D’Ambrosio, risultato positivo al tampone ieri, oggi la società nerazzurra ha ufficializzato un altro caso. Stavolta Antonio Conte dovrà fare a meno di un titolare inamovibile.

Samir Handanovic è risultato positivo al Covid stamattina (foto Getty Images)

Emergenza Covid in casa Inter: dopo Danilo D’Ambrosio, oggi la società nerazzurra ha ufficializzato la positività di Samir Handanovic.

Questo il testo del comunicato ufficiale appena diffuso dal club: “FC Internazionale Milano comunica che Samir Handanovic è risultato positivo al Covid-19 in seguito al test effettuato nella mattinata di oggi e il cui esito è pervenuto in questi minuti. Il portiere nerazzurro è già in quarantena presso la propria abitazione”

Come i compagni di squadra, il portiere sloveno era risultato negativo al tampone ieri dopo che tutta la squadra era stata sottoposta ai test imposti dal protocollo sanitario. Ma stamattina Handanovic non si è presentato all’allenamento a causa di qualche linea di febbre. Nuovo tampone, stavolta positivo.

Inter senza Handanovic e D’Ambrosio per due settimane

Danilo D’Ambrosio era risultato positivo al Covid martedì pomeriggio (foto Getty Images)

Come prevedono le norme della FIGC, i due calciatori – D’Ambrosio e Handanovic – dovranno restare in isolamento per 14 giorni e dunque salteranno la prossima partita di campionato. Fortunatamente per l’Inter, dopo la gara di sabato contro il Sassuolo c’è la sosta per gli impegni delle Nazionali. Entrambi dovrebbero dunque tornare disponibili per la trasferta del 3 aprile contro il Bologna, salvo complicazioni.

Sabato tocca a Radu

Ionut Radu, 23 anni, portiere rumeno dell’Inter (foto Getty Images)

Dunque, sabato sera a San Siro contro il Sassuolo, Conte non potrà schierare il portiere titolare, sempre presente nelle passate 27 giornate di campionato. Al suo posto tra i pali ci sarà Ionut Radu, 23 anni, al suo debutto nella stagione in corso.

Per l’estremo difensore rumeno si tratta della seconda apparizione in assoluto con la maglia dell’Inter: la prima risale al 14 maggio 2016 quando Roberto Mancini lo fece esordire in prima squadra, nella trasferta a Reggio Emilia proprio contro il Sassuolo, nell’ultima giornata del campionato di Serie A.

Per Radu poi una stagione in prestito all’Avellino, due campionati al Genoa e l’esperienza al Parma nel 2019-2020 prima del ritorno in nerazzurro nell’estate scorsa.

LEGGI ANCHE —> Ex giocatore dell’Inter arrestato per un grave reato

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here