Superlega, c’è chi dice no: il clamoroso rifiuto delle tedesche

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:38
0

La nascita della Superlega rischia di spaccare il calcio europeo, c’è infatti chi dice no alla nuova competizione.

Superlega
Bayern Monaco e Borussia Dortmund nell’ultima sfida in Bundesliga (Credits: Getty Images)

Lo scisma è in atto e a quanto pare indietro non si torna. La nascita della Superlega sta spaccando il calcio, e c’è anche chi si rifiuta di partecipare alla competizione. Bayern Monaco e Borussia Dortmund non entreranno nella competizione. A dirlo a chiare lettere è proprio il club giallonero che ha espresso il suo disappunto in una nota ufficiale, le parole sono del massimo dirigente del club Hans-Joachim Watzke: “I membri del consiglio di amministrazione della European Club Association (ECA) si sono riuniti per una conferenza virtuale domenica sera e hanno confermato che la decisione del consiglio di venerdì scorso è ancora valida. Questa decisione significa che i club vogliono per attuare la prevista riforma della UEFA Champions League. Era chiara l’opinione dei membri del consiglio di amministrazione dell’ECA che i piani per fondare una Super League fossero stati respinti “.

LEGGI ANCHE: Superlega, Neville e Carragher in coro:”Che vergogna”

LEGGI ANCHE: Sassuolo, Carnevali: “La Superlega uccide la Serie A, brutta storia l’avidità”

Borussia Dortmund e Bayern Monaco contro la Superlega

Il dirigente del Borussia Dortmund ha poi spiegato: “entrambi i club tedeschi rappresentati nel consiglio di amministrazione dell’ECA, FC Bayern Monaco e Borussia Dortmund, hanno una posizione congruente”. Un fronte unico contro la Superlega che è lo stesso della Federcalcio tedesca che in una nota scrive: Nel calcio, le prestazioni atletiche sono al centro di tutto. È questo che determina la promozione e la retrocessione, nonché la qualificazione. Gli interessi economici di pochi club non devono avere la precedenza sulla solidarietà praticata nel calcio”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here