La Superlega e le minacce di Uefa e Fifa: “Vie legali per garantire l’accesso alla competizione”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:05

E’ scontro totale nel calcio europeo. Uefa e Fifa hanno minacciato i club aderenti alla Superlega di escluderli dalle altre competizioni, ecco la risposta.

Europei
Il presidente dell’Uefa Aleksander Ceferin (Credits: Getty Images)

Indietro non si torna, la Superlega vuole partire a tutti i costi e vuole farlo il prima possibile, dalle ultime indiscrezioni già ad agosto prossimo. Il progetto è partito, dodici squadre hanno già detto sì, ne servono altre otto per far partire la competizione infrasettimanale da due gironi da 10 e sfide di andata e ritorno dagli ottavi di finale. Non tutti però sono d’accordo, anzi il fronte del “no” è sempre più ampio ed è guidato da Uefa e Fifa. I due organi hanno minacciato i club che prenderanno parte alla competizione di escluderli dai tornei nazionali e da tutte le Coppe, come Champions League ed Europa League. Inoltre la Uefa vorrebbe anche interdire ai giocatori dei club che hanno creato lo scisma di giocare Mondiali ed Europei.

LEGGI ANCHE: Superlega, c’è chi dice no: il clamoroso rifiuto delle tedesche

La Superlega sfida ancora Uefa e Fifa

Minacce che evidentemente non sono piaciute alla neonata SLCo, la Superleague Company società che è pronta a scendere in guerra legale: “Siamo preoccupati che la FIFA e la UEFA possano rispondere cercando di prendere misure punitive per escludere qualsiasi club o giocatore partecipante dalle rispettive competizioni. Questo ci costringe a prendere provvedimenti per proteggerci da una tale reazione avversa, che non solo metterebbe a repentaglio l’impegno finanziario, ma sarebbe notevolmente illegale. Per questo motivo, SLCo (Super League Company) ha presentato istanza presso i tribunali competenti per garantire l’istituzione e il regolare svolgimento della competizione in conformità con le leggi applicabili”. Questo il contenuto della lettera inviata ai Presidente di Uefa e Fifa Ceferin e Infantino e riportata dalla Associated Press.