Darmian uomo della provvidenza: l’Inter batte il Verona 1-0

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:55
0

E’ finita 1-0 la gara tra Inter e Verona. Come contro il Cagliari, ancora una volta è Matteo Darmian a firmare il successo a pochi minuti dal suo ingresso in campo. Il Verona recrimina su una rete annullata apparsa regolare.

Inter e Verona si stanno sfidando a San Siro per la 33^ giornata del campionato di Serie A (foto Getty Images)

Cronaca in diretta

 

E’ finita a San Siro: Inter batte Verona 1-0.

Tre minuti di recupero.

82′: Su uno spiovente da sinistra Faraoni contrasta Handanovic in presa, la palla carambola in gol. Rete annullata da Abisso per un fallo molto dubbio sul portiere nerazzurro.

79′: Ultimi cambi nerazzurri: Gagliardini e D’Ambrosio subentrano a Brozovic e Hakimi.

77′: Colley rileva Bessa.

76′: GOL DELL’INTER! Come contro il Cagliari è ancora Darmian a sbloccare lo 0-0 con un diagonale che non lascia scampo a Silvestri. 1-0!

72′: In campo anche Alexis Sanchez al posto di Lautaro Martinez. Entra anche Udogie per Dimarco nell’Hellas.

69′: Splendido calcio piazzato di Hakimi dai 23 metri, la palla si stampa sul palo. Silvestri immobile.

68′: Giallo per Barak, autore di una trattenuta ai danni di Lautaro Martinez che si stava involando verso la porta.

65′: Nel Verona entra Salcedo per Tameze. Due cambi anche per Conte: Darmian e Sensi per Perisic ed Eriksen.

63′: Splendida cavalcata di Lautaro in contropiede, l’argentino si sbarazza di due difensori e tira di destro. Silvestri reattivo con i piedi.

60′: Opportunità per Faraoni che si coordina su un corner, palla deviata ancora in angolo da un difensore nerazzurro.

Nel Verona entrano in campo Dawidowicz e Günter al posto dei due ammoniti Ceccherini e Magnani.

Iniziato il secondo tempo.

Finito un primo tempo senza troppi brividi. Un’occasione per parte, gara molto tattica.

42′: Ammonito Magnani (V).

28′: Cartellino giallo per Ceccherini, autore di un fallo da dietro su Lautaro Martinez.

24′: Grande occasione per il Verona. Dimarco vede il taglio di Bessa, tiro respinto da Handanovic. Sulla ribattuta Lasagna non arriva sul pallone per un soffio.

17′: Hakimi impegna Silvestri che respinge il tiro rasoterra dell’esterno nerazzurro.

Primo quarto d’ora senza grosse emozioni. Il Verona gioca a viso aperto contro la capolista.

5′: Prima chance per Hakimi che conclude di destro ma non centra il berrsaglio.

Partita iniziata a San Siro

La partita

Oggi pomeriggio Inter e Verona in campo a San Siro per la 33^ giornata del campionato di Serie A. Momento magico per i nerazzurri, reduci da due pareggi consecutivi ma imbattuti da 19 giornate. I gialloblù, viceversa, non stanno attraversando un periodo positivo: ben 6 le sconfitte rimediate nelle ultime 7 giornate.

Inter-Verona: il tabellino

INTER (3-5-2): Handanovic; Skriniar, De Vrij, Bastoni; Hakimi (79′ D’Ambrosio), Barella, Brozovic (79′ Gagliardini), Eriksen (65′ Sensi), Perisic (65′ Darmian); Lautaro (72′ Sanchez), Lukaku. Allenatore: Conte.

A disposizione: Padelli, Radu, Gagliardini, Sanchez, Vecino, Sensi, Ranocchia, Young, D’Ambrosio, Darmian, Pinamonti.

VERONA (3-4-2-1): Silvestri; Lazovic, Magnani (46′ Günter), Ceccherini (46′ Dawidowicz); Faraoni, Tameze (65′ Salcedo), Ilic, Dimarco (72′ Udogie); Barak, Bessa (77′ Colley); Lasagna. Allenatore: Juric.

A disposizione: Berardi, Pandur, Salcedo, Favilli, Udogie, Cetin, Ruegg, Zaccagni, Günter, Dawidowicz, Kalinic, Colley.

ARBITRO: Rosario Abisso di Palermo. Assistenti: Galetto e Rossi. Quarto uomo: Prontera. VAR: Nasca. Assistente VAR: Valeriani.

MARCATORE: Darmian (I) al 76′.

NOTE: Ammoniti Magnani, Barak e Ceccherini (V).

LEGGI ANCHE —> Conte: “Nessuna tabella, pensiamo solo al Verona”

LEGGI ANCHE —> Juric: “Inter brutta? Macché. Gioca un calcio totale”

I precedenti: San Siro tabù per il Verona

Quello di domenica 25 aprile, sarà il confronto numero 60 in campionato tra le due formazioni, con un bilancio che vede i nerazzurri avanti con 34 successi contro i 4 dell’Hellas Verona e 21 pareggi a completare il quadro.

La prima della classe è imbattuta da 19 partite contro il Verona in Serie A, l’ultimo successo degli scaligeri negli scontri diretti del massimo campionato risale al febbraio 1992. All’interno di questa striscia, i nerazzurri hanno realizzato almeno due gol in 17 delle ultime 18 partite: 43 le reti nerazzurre nel parziale. L’Inter è rimasta imbattuta in tutte le 29 partite interne di campionato contro l’Hellas Verona: potrebbe registrare il suo record di numero di gare totali in casa senza sconfitta contro una singola avversaria in Serie A TIM (zero sconfitte in 29 gare anche contro il Palermo).

Le curiosità di Inter-Verona

La capolista arriva alla sfida dopo i due pareggi esterni contro Napoli e Spezia, ottenuti dopo una striscia di 11 successi di fila: solo una volta con Antonio Conte in panchina, i nerazzurri hanno giocato tre incontri consecutivi in campionato senza ottenere una vittoria, nel gennaio 2020. 76 i punti in classifica frutto di 23 vittorie, 7 pareggi e 2 sconfitte: 12 i successi casalinghi di fila in Serie A (solo una volta nella sua storia è arrivata a 13, nel maggio 2011).

Al contrario l’Hellas Verona può eguagliare il suo miglior rendimento in trasferta dal punto di vista  di successi in una stagione di Serie A: attualmente a cinque, ha fatto meglio solo nel 1984/85 e 2013/14 (sei). La squadra di Juric ha perso le ultime tre gare di campionato: i gialloblu non registrano una striscia di sconfitte consecutive più lunga in Serie A dal maggio 2018 (7 in quell’occasione).

Sfida tra i due più giovani difensori che hanno preso parte a più di cinque gol in questa Serie A: da una parte Achraf Hakimi (sei reti, cinque assist), dall’altra uno degli ex della gara, Federico Dimarco (quattro gol, tre assist).

La classifica di Serie A

 

Vittoria nerazzurra all’andata

Nel match di andata, giocato allo stadio “Bentegodi” il 23 dicembre scorso, successo nerazzurro per 2-1: tutti i gol sono arrivati nel secondo tempo. Vantaggio ospite di Lautaro Martinez, pareggio provvisorio di Ilic e gol del successo interista firmato da Skriniar.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here