Il Frosinone batte il Pisa e Grosso tira un sospiro di sollievo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:13
0

Tre punti di sofferenza, tre mattoni per la salvezza. E mister Grosso tira un sospiro di sollievo dopo la vittoria del Frosinone sul Pisa.

Frosinone
Grosso tira un sospiro di sollievo – foto frosinonecalcio.com

Le parole di Grosso

Mister Grosso, è la prima vittoria per lei a Frosinone. Quanto sono state difficili queste settimane e quanto la sosta forzata è stata utile?

“Le settimane sono sempre difficili, bisogna sempre guardare avanti. Oggi siamo stati bravi perché abbiamo disputato una partita di cuore ed a tratti anche di qualità, sapendo soffrire quando era il momento di farlo. Abbiamo voluto questa vittoria più di loro e alla fine si è visto”.

Vittoria fondamentale. Adesso c’è subito la Spal. Su quali aspetti dovrà migliorare la sua squadra?

“Vittoria sicuramente importante e questo campionato ci dice che tutte le gare sono difficilissime. Venivamo da un periodo complicato, i tre punti ci danno energia che dobbiamo rimettere subito in campo perché ormai si gioca sempre, si recupera e si torna a giocare. Abbiamo davanti a noi un’altra partita difficilissima, c’è tanta voglia di fare punti con le qualità che abbiamo utilizzato in mezzo al campo oggi”.

Finalmente un grande sospiro di sollievo per un campionato che ora possiamo vivere con più tranquillità?

“Non ci si deve fermare, questo è un campionato strano. Abbiamo visto l’epilogo delle partite di oggi. Mancano 3 partite in una settimana e mezza, dobbiamo continuare con questo spirito e con questa qualità che a tratti siamo riusciti a mettere in campo per aggiungere punti in cascina ad una classifica che purtroppo ha visto cambiare gli obiettivi. Ma vogliamo raggiungere il traguardo della salvezza perché società, tifosi e noi ce lo siamo meritato”.

Questa è la vittoria che aspettava? Può sbloccare i suoi giocatori?

“Questo è un gruppo che ho visto lavorare bene da quando sono arrivato io. Veniva da un periodo di incertezze, abbiamo provato a far scattare la scintilla nelle prime tre gare nelle quali ci è mancata anche un pizzico di fortuna tranne che contro il Pordenone. Oggi siamo stati bravi ma non ci dobbiamo fermare”.

Quanto sono state utili queste due settimane per lavorare al meglio sulla sua squadra?

“Lavorare con la squadra è sempre importante perché si riescono a trasferire tante cose. Ho cercato di trasferire alla squadra poche idee che i ragazzi hanno poi messo in pratica. Da quando sono arrivato l’unica partita che abbiamo sbagliato è stata quella con il Pordenone, la Salernitana è una squadra forte ma abbiamo avuto anche là le nostre occasioni e con il Cittadella se avessimo saputo approfittare di alcune occasioni, avremmo potuto già vincere allora. Siamo poi ripiombati nella paura ma in questo gruppo ci sono ragazzi dalle qualità morali importanti e dobbiamo essere in grado di continuare a dimostrarlo”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here