Atalanta, Gasperini e la volata Champions: “Mi sembra il 2009 con il Genoa” – VIDEO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:55
0

Corsi e ricorsi storici, Gian Piero Gasperini con la sua Atalanta sfida il Genoa per continuare la volata Champions.

Atalanta Gasperini
L’allenatore dell’Atalanta Gian Piero Gasperini (Credits: Getty Images)

Domani alle 15 l’Atalanta sfida il Genoa per provare a chiudere la corsa Champions, volando nella competizione più importante d’Europa per la terza volta di fila. Gasperini deve fare tre punti nelle ultime due partite per essere sicuro della qualificazione e nella conferenza stampa pre gara annuncia: “Proveremo a farli subito”. Grifone avvisato quindi.

LEGGI ANCHE: Atalanta, per il centrocampo spunta un terzo nome dal Molde

Poi c’è un tuffo nel passato per il tecnico che con i rossoblu è andato ad un passo dall’impresa Champions nel 2009. Situazione simile, due squadre a contendersi il posto, ultima giornata e scontro diretto. Serviva vincere al Genoa contro la Fiorentina in casa per prendersi il pass. Finì 3-3 con tripletta di Mutu e sogno che rimase nel cassetto: “Fu un finale di stagione sfortunato, ed è un rammarico da parte mia”.

La conferenza stampa di Gasperini prima di Genoa-Atalanta

Il tecnico poi si tuffa nel match di domani, partendo dalle condizioni di due acciaccati: “Toloi sta bene, Muriel non ha ancora smaltito la contusione”. Sulla partita l’allenatore ha le idee chiare e le espone davanti ai giornalisti dichiarando che queste sono partite difficili anche perché il Genoa è un’ottima squadra. La squadra di Genova è salva matematicamente “Ma non ho mai pensato che potesse rischiare davvero, ha una rosa coperta in tutti i reparti” continua il grande ex. Poi Gasperini aggiunge che conosce gli avversari e li ricorda anche per la gara di andata di Bergamo finita 0-0.

LEGGI ANCHE: Atalanta miglior attacco della Serie A: oltre i 100 gol per il terzo anno di fila

Era il 17 gennaio scorso, Ballardini aveva iniziato la sua rincorsa salvezza e bloccò la macchina da gol della Dea, un’impresa più unica che rara. Questa volta però potrebbe essere diverso, le motivazioni sono tutte dalla parte dell’Atalanta, che non è più una favola, ma una certezza del campionato italiano.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here