Venezia in finale, Zanetti: “Squadra che continua a stupirmi“

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:27
0

Paolo Zanetti è soddisfatto per il risultato raggiunto dal Venezia in casa del Lecce. Adesso gli arancioneroverdi gioiscono per la finale dei playoff di Serie BKT. 

Paolo Zanetti
Paolo Zanetti in campo a Lecce (foto credit Facebook Venezia FC)

Zanetti dopo Lecce-Venezia

Paolo Zanetti è ovviamente contento per il pareggio al “Via del Mare” di Lecce ottenuto dal Venezia. La squadra arancioneroverde, a differenza delle scorse gare, ha avuto maggiori difficoltà ad impostare. Ai microfoni di Dazn il mister della squadra lagunare ha espresso comunque tanta soddisfazione per il risultato finale. “Questa formazione non finisce mai di stupirmi – dichiara l’allenatore del Venezia – devo dire che gli avversari ci hanno messo in difficoltà”.

Un match di grande sacrificio che ha messo a dura prova il Venezia. L’autogol di Molinaro stava per far tremare la terra sotto i piedi ai veneti, il rigore di Mancosu sbagliato ha fatto vacillare, ma alla fine ha avuto la meglio il club ospite. Saper soffrire fino al termine della gara per poi gioire: con questo risultato il Venezia si gioca la promozione in Serie A in un doppio confronto.

Tanti episodi

Il Lecce le ha provate tutte, ma alla fine a fare festa è stato il Venezia. In alcuni frangenti Zanetti è stato costretto a correre ai ripari per evitare le giocate offensive dei giallorossi. “Non siamo riusciti a fare quello che avremmo voluto – dichiara Zanetti – bisognava essere più coraggiosi e aggressivi in determinate circostanze”.

Adesso è tempo comunque di gioire senza però perdere di vista l’obiettivo. Il Venezia ha conquistato l’ultimo atto della competizione. Zanetti ha chiesto in ogni caso ai propri calciatori di rimanere sul pezzo. “Abbiamo le nostre carte e ce le giocheremo fino alla fine. Bisogna rimanere con i piedi per terra – conclude l’allenatore del Venezia – pur consapevoli di aver fatto delle cose veramente grandi”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here