Playoff Nba: i Suns vincono la serie e volano alle Finals

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:06
0

Dopo 11 anni i Suns tornano a giocare le Western Conference Finals vincendo gara-4 contro i Nuggets. Mvp Nikola Jokic, espulso nel terzo quarto per un fallo su Payne

i Suns vincono la serie e volano alle Finals Credit Foto Getty Images

I Phoenix Suns dopo 11 anni torneranno a giocare le Western Conference Finals. La qualificazione arriva dopo la vittoria di gara-4 contro i Denver Nuggets per 125-118 alla Ball Arena di Denver. I Suns, vincendo tutte le partite della serie, infliggono lo sweep alla squadra allenata da Mike Malone. Serata a due facce per l’mvp Nikola Jokic che è il migliore di suoi fino al 3° quarto, quando viene espulso per un brutto fallo su Cameron Payne.

Leggi anche -> Lutto in Nba, morto Elgin Baylor: la leggenda dei Lakers aveva 86 anni

La partita

Phoenix nel primo tempo mostra di voler chiudere la serie comandando il gioco. Booker realizza 21 punti grazie alle giocate di Paul e in difesa ci pensa Crowder a stoppare i tiri. Denver supera il momento difficile iniziale grazie al giocatore più in forma, Jokic autore di 18 punti, 10 rimbalzi e 4 assist. All’intervallo il risultato è 63-55 per la squadra di Montgomery “Monty” Williams. Nel terzo quarto, a 3’52” dalla fine, i Nuggets perdono il loro numero 15. Il serbo interviene con un fallo duro su Cameron Payne, colpendolo anche al viso. Gli arbitri vanno a rivedere il contatto, la decisione finale è  un Flagrant 2, il cestista esce. I Suns ne approfittano per allungare finendo il quarto 96-80. Nell’ultimo quarto Denver prova il tutto per tutto arrivando sul -4 (101-97) ma Bridges e Paul, incontenibili, chiudono la partita e la serie.

Leggi anche -> Team Usa allo scoperto: pronta la lista di 57 giocatori

Malone: “Espulsione ingiusta”

Il coach dei Nuggets, Michael Malone, non condivide la decisione arbitrale sull’episodio del terzo quarto, queste le sue parole a fine partita: “Ho guardato subito un replay e ho pensato che sarebbe stato un Flagrant 1 nel peggiore dei casi. Non penso si trattasse di una giocata non cestistica e maliziosa, perché Nikola stava cercando di giocare la palla e c’è stato un contatto marginale con il naso di Payne. Sono scioccato che abbiano espulso l’MVP per una giocata del genere”.

Paul: “Dicevano che ero finito”

Chris Paul elogia la squadra al termine della gara: “Siamo cresciuti tanto difensivamente. Merito dei nostri allenatori. Siamo preparati ogni partita. Che si vinca o si perda, noi non ci faremo mai trovare impreparati. Un paio di stagioni fa mi avevano cancellato, dicevano che ero finito. Ma qui non si tratta di me. Si tratta di noi“.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here