Dzeko: “Dobbiamo dimostrare di essere campioni d’Italia”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:08

Domenica sera l’Internazionale affronterà la Juventus, l’attaccante dei nerazzurri Dzeko è già in clima partita: “Sono in palio punti pesanti”

Dzeko e Barella esultano dopo il gol (Credit Foto Getty Images)

Domenica sera alla scala del calcio andrà in scena il derby d’Italia. I nerazzurri si sono ripresi dalla sconfitta di Roma, battendo lo Sheriff Tiraspol in Champions League. I bianconeri, invece, la scorsa giornata di campionato hanno battuto la Roma grazie alla rete di Kean. La squadra di Max Allegri è a tre lunghezze dalla squadra di Simone Inzaghi e domenica sera la Juve potrebbe agganciare la beneamata mentre l’Inter, in caso di vittoria allungherebbe di altre tre punti sui bianconeri.

Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, Edin Dzeko, protagonista della sfida di martedì sera, racconta che 35 anni impazzisce ancora quando vedoe un pallone. “Tutti si aspettano il gol dagli attaccanti ma giusto si sia sottolineato il mio ripiegamento difensivo: se poi non vinci, segnare conta poco“.

Leggi anche —> Inter, Dimarco si racconta: “Interista da sempre. Fatti tanti sacrifici”

Derby d’Italia

L’attaccante bosniaco analizza così il derby d’Italia, il primo della sua carriera. Il mister sta preparando la squadra ad essere pronta a neutralizzare quello che loro fanno bene: i contropiede. “Il campionato non si vince ad ottobre-novembre ma sono in palio punti pesanti, sarà difficile recuperare per chi perderà”.

Chiellini

Su Giorgio Chiellini, l’attaccante meneghino spiega: “Con lui è pesante, tosta: si attacca addosso sempre, anche troppo… Per domenica posso anche fare a meno di segnare: vorrei vincere anche senza far gol. Se sapremo dimostrare di essere campioni d’Italia, se tutti daremo un contributo pensando da squadra e cercando la vittoria con ogni strategia possibile”

Leggi anche —> Nuovo San Siro, Sala apre al dialogo: “Presto incontro con Milan ed Inter”

Il primo a rivelare al giocatore dell’interessamento dell’Inter è stato un componente della rosa, ex compagno di Edin ai tempi della Roma: Aleksandar Kolarov. Il bosniaco non pensa ai paragoni con Lukaku: “L’Inter deve dirgli grazie perché con Conte ha vinto uno scudetto, poi ha fatto la sua scelta. Io guardo avanti, in comune con lui ho il numero di maglia…“.

Eklseid Hysaj e Edin Dzeko, SS Lazio v FC Internazionale Milano (Credit Foto Getty Images)