Bologna-Cagliari 2-0: cronaca del match, tabellino e dichiarazioni post partita

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:45

Il Bologna batte il Cagliari 2-0 grazie ad un ottimo secondo: di seguito il tabellino. Per la squadra di Mazzarri è sempre più notte fonda.

Bologna Cagliari tabellino
Il Bologna esulta dopo il gol di De Silvestri [credit: Getty Images] – Meteoweek

Cronaca del match

Primo tempo

Il Bologna controlla il campo sin da subito, mentre il Cagliari si difende attentamente nella propria metà campo. Nessuna delle due squadre riesce a creare una limpida occasione da gol: troppa imprecisione nei cross o nell’ultimo passaggio con la difesa sarda molto serrata. La squadra di Mazzarri ha una buona occasione su punizione, ma il destro di Marin non si abbassa e vola sopra la traversa. L’unica conclusione verso la porta è di Zappa, ma il suo tiro è troppo debole per far male a Skorupski.

Secondo tempo

Il match si stappa al 50′: verticalizzazione di Medel, velo di Arnautovic e inserimento di De Silvestri che supera Cragno con l’esterno destro. Il centravanti austriaco sfiora un gran gol dopo la combinazione fra Soriano e Barrow: il suo tiro al volo non inquadra la porta. Il Bologna sfiora il raddoppio grazie alla bella iniziativa personale di Sansone che, dal limite, calcia col destro: pallone sul palo. Al 94′ Skorupski salva il Bologna con una parata meravigliosa sul mancino da fuori area di Lykogiannis. Tre minuti dopo Arnautovic chiude il match: assist di Sansone per l’austriaco che, davanti a Cragno, è glaciale e mette il pallone a fil di palo.

LEGGI ANCHE -> Barcellona, problemi al cuore per Aguero: ecco quanto sarà fuori
LEGGI ANCHE -> Clamoroso Lazio, i tifosi non potranno seguire la squadra a Marsiglia

Bologna-Cagliari – Tabellino

Bologna-Cagliari 2-0 (50′ De Silvestri, 90’+7 Arnautovic)
Ammonizioni
: 40′ Svanberg, 68′ Joao Pedro, 70′ Hickey, 90′ Medel, 90’+3 Pavoletti
Espulsione: 90′ Caceres

Bologna (3-4-2-1): Skorupski; Soumaoro, Medel, Theate; De Silvestri, Svanberg (72′ Binks), Dominguez, Hickey; Soriano (86′ Skov Olsen), Barrow (72′ Sansone); Arnautovic.
A disposizione: Bardi, Binks, Mbaye, Dijks, Orsolini, Sansone, Skov Olsen, Santander, Van Hooijdonk, Vignato, Cangiano.
Allenatore: S. Mihajlovic

Cagliari (4-4-2): Cragno; Zappa (88′ Pereiro), Godin, Carboni (69′ Caceres), Lykogiannis; Nandez, Marin, Strootman (59′ Bellanova), Deiola (69′ Farias); Joao Pedro, Pavoletti.
A disposizione: Aresti, Radunovic, Caceres, Bellanova, Altare, Ceppitelli, Pereiro, Oliva, Grassi, Obert, Farias.
Allenatore: W. Mazzarri

Dichiarazioni post partita

Sinisa Mihajlovic

Mihajlovic ha elogiato l’attenzione della squadra, confermando che la partita fatta è stata come quella preparata. La vittoria, secondo l’allenatore, è meritata e il risultato è giusto. Ora la testa, però, è già alla prossima trasferta di Genova contro la Sampdoria.

Un commento su Arnautovic: tutta la squadra ha fatto bene, ma in particolare l’austriaco è stato fondamentale nell’occasione del gol di De Silvestri e nel gol del definitivo 2-0.

Secondo il serbo, è stato importante il cambio di modulo dopo poche partite: nonostante Mihajlovic abbia rinunciato al suo stile offensivo, la difesa a 3 sta dando i suoi frutti.

Tommaso Giulini

Il presidente del Cagliari ha deciso di intervenire al termine della gara: l’ultimo posto in classifica fa molto male. Giulini chiede più concentrazione ai giocatori: “Dobbiamo attaccarci al nostro allenatore, servono meno disattenzioni”.

Secondo il presidente, l’ultimo posto è inaccettabile vedendo la qualità della rosa. L’obiettivo è sempre stata la salvezza, quindi la prospettiva non è cambiata. Giulini chiede più umiltà ai suoi calciatori. È possibile che il Cagliari vada in ritiro: la squadra ha bisogno di preparare al meglio la sfida contro l’Atalanta. Ribadita anche la fiducia a Mazzarri: l’allenatore è il punto fermo su cui costruire la salvezza.