Sala al termine dell’incontro per il nuovo stadio: “Grandi passi avanti”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:35

Il sindaco della città meneghina, Sala, ha parlato dell’incontro con le società per il progetto del nuovo stadio: “Noi non abbiamo più grandi incertezze”

Giuseppe Sala, sindaco di Milano (Credit Foto Twitter)
Giuseppe Sala, sindaco di Milano (Credit Foto Twitter)

Il sindaco di Milano Giuseppe Sala sorride sulla delibera della Giunta sul progetto del nuovo stadio a San Siro. A margine delle celebrazioni per il 4 novembre spiega: “A questo punto, per come è stata formulata la cosa, noi non abbiamo più grandi incertezze. Da come siamo partiti due anni fa abbiamo fatto dei grandi passi avanti e, a mio giudizio, il fatto di essere riuscito a riportare le squadre al rispetto dell’indice volumetrico del Pgt è cosa molto positiva”. Non lo definisce un successo perché non è un confronto tra chi è più forte, ma è il compendiare interessi delle squadre e regole dell’amministrazione.

Leggi anche —> Nuovo San Siro, Sala apre al dialogo: “Presto incontro con Milan ed Inter”

Sala: “Per loro lo stadio è prioritario”

A metà ottobre il sindaco aveva annunciato un imminente incontro con Inter e Milan per avanzare con il progetto che riguarda il nuovo impianto. Il progetto delle due società è ampio e coinvolge il quartiere nella sua totalità. Da quanto emerso dopo l’incontro il primo cittadino considera molto buono l’accordo fatto e non ha incertezza, però afferma che va spiegato bene ai cittadini cosa sarà di San Siro, dell’area e di quanto verde rimarrà. Inoltre Sala, sul problema delle proprietà dei club nel 2027 che potrebbero non essere le stesse, afferma che è un problema che riguarda tutto il calcio moderno e i grandi club.

Il punto dirimente è l’ambizione espressa da Milan e Inter di essere ancora parte del top europeo e, da questo punto di vista, la loro considerazione è che lo stadio è indispensabile. “Io sono arrivato alla conclusione, dopo tante riflessioni, che per loro lo stadio è il tema, anche molto più del resto degli sviluppi e se non glielo permettessimo a San Siro certamente andrebbero da un’altra parte. Per loro lo stadio è prioritario”.