Juventus-Genoa 2-0: le dichiarazioni di Allegri e Shevchenko

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:58

La Juventus batte il Genoa 2-0 e si porta al quinto posto in classifica a -7 dal quarto posto: ecco le dichiarazioni degli allenatori al termine del match.

Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus e Andriy Shevchenko, allenatore del Genoa (credit: Getty Images)
Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus e Andriy Shevchenko, allenatore del Genoa (credit: Getty Images)

Juventus-Genoa 2-0: Allegri torna alla vittoria, Sheva non segna

La Juventus vince all’Allianz Stadium contro il Genoa e sfrutta la sconfitta della Roma contro l’Inter per salire al quinto posto in classifica a pari merito con la Fiorentina, vittoriosa per 2-3 a Bologna. Decisivi un gol da antologia di Cuadrado direttamente da calcio d’angolo e il quinto gol in questa Serie A di Paulo Dybala. La classifica in questo momento recita Milan 38 Inter 37 Napoli 36 Atalanta 34 Juventus e Fiorentina 27. A tre giornate dalla fine del girone d’andata la squadra di Allegri si trova a sette punti dal quarto posto e a 11 dalla vetta. La Juventus, dopo l’ultima sfida dei gironi di Champions League contro il Malmo, andrà al Penzo per sfidare il Venezia e per cercare di ottenere altri tre punti fondamentali. Il Genoa di Shevchenko invece, falcidiato dalla assenze, continua a non segnare ed è atteso dal derby contro la Sampdoria fondamentale in chiave salvezza.

Al termine del match, Massimiliano Allegri e Andriy Shevchenko hanno parlato in conferenza stampa: ecco le loro dichiarazioni.

LEGGI ANCHE –> Juventus-Genoa 2-0: cronaca del match e tabellino

LEGGI ANCHE –> Sampdoria-Lazio 1-3: cronaca del match e tabellino

Massimiliano Allegri

“Dobbiamo migliorare a livello di percentuale di realizzazione”

Allegri è soddisfatto della prestazione e del risultato ottenuto dalla sua squadra, anche se è convinto che si possa migliorare tanto in fase di realizzazione. La Juventus contro il Genoa ha aumentato la percentuale di occasioni create e non sfruttate, deve crescere da questo punto di vista ma è un bel segnale per Allegri perché significa che ci sono margini di miglioramento.

“Ho cambiato Morata per l’ammonizione presa”

Morata e Allegri hanno avuto un diverbio acceso al momento della sostituzione, con il mister della Juventus arrabbiato per il nervosismo dell’attaccante spagnolo. Ad Allegri è piaciuta la prestazione del suo numero 9, ma ha dovuto toglierlo a causa dell’ammonizione presa per proteste.

“Dybala ha nelle caratteristiche il gol a rimorchio da dietro”

La Juventus ha fin dall’inizio aggredito la partita, con Bernardeschi, Dybala e Kulusevski a supporto di Morata. I tre avevano libertà di movimento: Dybala era sempre pronto a rimorchio per sfruttare le sue caratteristiche, mentre Bernardeschi partiva esterno ma entrava sempre dentro al campo per riempire l’area di rigore.

“Le prime 4 meritano le posizioni che hanno”

Con questa vittoria, la Juventus è quinta a pari merito con la Fiorentina. In questo momento le prime 4 meritano le posizioni che occupano, ma la squadra di Allegri vuole ottenere il massimo e passo dopo passo proverà a risalire.

Andriy Shevchenko 

“Il Genoa ha messo impegno, ma c’erano troppe assenze”

Per Shevchenko è stato difficile mettere in campo una formazione viste le tante assenze, ma nonostante ciò la squadra ha cercato di rimanere in partita con impegno e sacrificio. Il Genoa non ha creato mai occasioni, anche se nel secondo tempo ha fatto meglio pur non riuscendo a concretizzare.

“Ekuban ci ha provato, Bianchi ha poche presenze in Serie A”

La fase offensiva del Genoa è stata sterile per tutta la partita, anche nel secondo tempo quando Shevchenko ha provato a mettere centrocampisti e attaccanti più vicini. La squadra deve lavorare tanto e cercare di migliorare per essere più efficace in zona gol.

“Stiamo già pensando al derby contro la Sampdoria”

Il Genoa deve compattarsi e affrontare il derby al massimo delle possibilità. Pandev bisogna gestirlo per l’età che ha, ma se starà bene c’è l’impressione che possa partire dal 1′ per aumentare la qualità offensiva. Per Shevchenko sarà il primo derby e non vede l’ora di affrontarlo.