Milan – Spezia 1-2: cronaca del match e tabellino

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:44

Il Milan subisce una beffa clamorosa in casa contro lo Spezia per 1-2. Tantissime polemiche nel finale e gol degli ospiti al 96′.

Il gol dell'1-2 finale di Gyasi in Milan - Spezia - credits: Getty Images. Sportmeteoweek
Il gol dell’1-2 finale di Gyasi in Milan – Spezia – credits: Getty Images. Sportmeteoweek

Impresa clamorosa per lo Spezia, che dopo 100 anni vince a San Siro contro il Milan. Vittoria incredibile per come arriva, complice un errore assurdo dell’arbitro, che fischia, non concedendo il vantaggio, negando un gol ai padroni di casa, che dopo pochi minuti prendono il gol al 96′.

LEGGI ANCHE -> Bologna – Napoli 0-2: cronaca del match e tabellino

Milan – Spezia 1-2: cronaca del match

Primo tempo

La prima frazione di gara è un dominio rossonero. Al 16′ Leao si fa ipnotizzare da Provedel, che para un tiro diretto all’angolino. Il Milan insiste ma non riesce a trovare il vantaggio.

Ancora un intervento prodigioso di Provedel sul tiro di Saelemaekers, al 40′. Un minuto dopo però il portiere spezzino sbaglia un controllo e abbatte in area Leao, per il calcio di rigore per il Milan. Theo dal dischetto però incrocia troppo, mettendo fuori il pallone.

Sull’azione successiva, il bel lancio di Krunic, che recupera il pallone in maniera dubbia su Manaj, trova Leao solo contro il portiere. Il portoghese fa un pallonetto facile facile e segna il vantaggio dei rossoneri.

Secondo tempo

Nella ripresa il Milan, impreciso, non riesce a trovare il raddoppio. Lo Spezia allora prende coraggio prova a spaventare i padroni di casa, con due occasioni nel giro di pochi minuti. Prima Amian, che non riesce a battere Maignan, attento sul suo palo, poi il colpo di testa impreciso, alto, di Erlic.

È il preludio al pareggio degli aquilotti, che trovano il pareggio al minuto 64. Agudelo, entrato al posto di Manaj, cede il pallone a Bastoni e si butta dentro. Palla allargata per Verde, che tutto solo sulla sinistra trova il colombiano al centro, che apre e chiude l’azione, battendo con il destro Maignan per l’1-1.

Lo Spezia continua a provarci, con un sinistro di Amian, parato dal portiere rossonero. Al 70′ il cross di Leao trova la testa di Messias, che però non inquadra la porta. Insistono i rossoneri, che inseriscono anche Calabria e Giroud. Proprio il numero 2 conclude dopo un’azione insistita. La palla è deviata e salvata dal portiere ospite.

Il Milan insiste con molti corner, è lo Spezia però ad avere una grande occasione. Grandissima giocata di Agudelo che semina Bakayoko e mette al centro. Maignan buca ma alle sue spalle c’è Calabria, che allontana la minaccia. Ci prova poi anche Kovalenko, trovato al centro da Gyasi, ma il portiere francese para in due tempi.

Al 90′ Ibrahimovic calcia dopo la sponda di testa di Rebic, entrato poco prima al posto di Leao, ma la conclusione dello svedese è centrale. Al 92′ un clamoroso errore dell’arbitro Serra. Fallo al limite dell’area su Rebic, l’arbitro non dà il vantaggio, ma il pallone arriva a Messias che mette in porta. Il fischio dell’arbitro è arrivato però prima della rete del brasiliano, e dunque si riprende col calcio di punizione per i rossoneri. Sulla punizione successiva Provedel salva su Ibra, che calcia bene ma centrale.

Sul calcio d’angolo che ne nasce ancora miracoloso Provedel, sulla spizzata di Ibra. La beffa arriva allo scadere per il Milan. Contropiede per gli ospiti, Kovalenko trova Gyasi, che controlla e batte Maignan, al 96′.

Milan – Spezia 1-2: tabellino

Marcatori: 45’+1′ Leao (M), 64′ Agudelo (S), 90’+6′ Gyasi (S).

Ammoniti: Gyasi (S), Kalulu (M), Kiwior (S), Provedel (S), Gabbia (M), Maggiore (S), Bastoni (S).

Milan(4-2-3-1): Maignan; Florenzi (dal 70′ Calabria), Kalulu, Gabbia, Theo Hernandez; Krunic, Bakayoko; Saelemaekers (dal 58′ Messias), Diaz (dal 70′ Giroud), Leao (dall’84’ Rebic); Ibrahimovic. All. Stefano Pioli.

Spezia(4-3-3): Provedel; Amian, Erlic, Nikolaou, Reca (dal 77′ Ferrer); Bastoni, Kiwior, Maggiore (dall’80’ Kovalenko); Gyasi, Verde, Manaj (dal 59′ Agudelo). All. Thiago Motta.