Italia, Mancini in conferenza: “Per il nuovo ciclo ci vorrà tempo e pazienza”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:16

Roberto Mancini parla in conferenza stampa per presentare la sfida contro la Germania dopo la pesante sconfitta contro l’Argentina. Ecco le sue dichiarazioni. 

Gli azzurri si preparano alla prima partita della UEFA Nations League in programma contro la Germania di Flick. Il fischio d’inizio sarà domani alle ore 20:45.

 

Roberto Mancini, ct dell’Italia [credit: ANSA] – MeteoWeek
Dopo la mancata qualificazione al prossimo Mondiale, il clima intorno alla Nazionale italiana è di smarrimento. Gli azzurri devono ritrovare la bussola per ripartire dopo la sconfitta contro l’Argentina. L’occasione si presenta nel match di domani sera contro la Germania, che il ct Roberto Mancini ha presentato in conferenze stampa con le seguenti dichiarazioni.

Italia, le dichiarazioni di Roberto Mancini

Il ct dell’Italia Roberto Mancini ha presentato in conferenza stampa la partita di sabato 04 giugno contro la Germania. Il tecnico ha affermato che la situazione non è semplice: “Veniamo da una delusione grande e pesante, non è semplice. Quando le cose non vanno, è il momento in cui bisogna rimboccarsi le maniche, pedalare e cercare soluzioni. In Italia spesso è difficile. La ripartenza è da adesso: il nuovo ciclo riparte da domani”.

LEGGI ANCHE –> Italia-Argentina 0-3: cronaca del match e tabellino

La Nazionale si prepara a vivere un tortuoso percorso: “La strada più più salita di 4 anni fa. Era comunque una situazione un po’ difficile, poi messi insieme sono stati straordinari. Ora non tutti giocano in Serie A e con pochissima esperienza internazionale: ci vorrà un po’ più di tempo”. Il percorso per ripartire secondo Mancini passa dal ricercare giocatori con qualità e velocità: “Non saranno come Verratti e Jorginho che giocavano in certe squadre e quindi ci vorrà un po’ più di tempo. Se riuscissimo a dare dei minuti a questi ragazzi che non hanno mai giocato in Nazionale, a vederli integrati bene, sarebbe meglio. Poi a marzo magari ritroviamo anche qualcuno di quelli che oggi non è disponibile”.

Italia Argentina
Roberto Mancini, CT dell’Italia [credit: ANSA] – Meteoweek
Una delle preoccupazioni dell’Italia è legato alla mancanza di gol da parte degli attaccanti, che nelle ultime occasioni sono rimasti a secco: “Questo ci preoccupa. Nel calcio per vincere devi fare gol e devi trovare attaccanti che in questo momento in Italia non ci sono. Se gli unici due sono ancora Belotti e Immobile, e l’unico che ha fatto gol in Serie A è Scamacca e non ha una gara a livello internazionale, ci preoccupa. La speranza è che chi è in B possa arrivare in Serie A velocemente, giocare e fare gol. La nostra speranza è questa”.