Nuoto, via agli Assoluti di Riccione | Caccia al pass per Tokyo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:16
0

I big del nuoto azzurro si incontrano a Riccione con l’obiettivo di staccare il pass per i Giochi di Tokyo. Tra coloro che ambiscono alla qualificazione ci sono anche Federica Pellegrini, Gregorio Paltrinieri e Filippo Magnini.

nuoto pellegrini magnini
(Photo credit should read CHRISTOPHE SIMON/AFP via Getty Images)

Da oggi fino a sabato 19 dicembre a Riccione atleti azzurri in vasca per staccare il pass per i Giochi di Tokyo, che andranno in scena a luglio a causa della pandemia. A circa quattro mesi dal Sette Colli, ben in 410 (di cui 201 uomini e 209 donne) sono presenti agli Assoluti Invernali Open. Tra i nomi caldi ci sono quelli di Federica Pellegrini, Gregorio Paltrinieri e Filippo Magnini. Quest’ultimo a tre anni dal rientro. Volti meno noti ma senza dubbio promettenti, invece, quelli di Benedetta Pilato, di soli 15 anni, e Giulia Salin, classe 2002. I test di questi giorni serviranno a formare la Nazionale, ma anche a comprendere lo stato di forma dei partecipanti. Non sono da escludere le sorprese.

Gli atleti già qualificati

Gregorio Paltrinieri (nei 1500 ma non negli 800 stile libero), Nicolò Martinenghi, Simona Quadarella e Margherita Panziera hanno già ottenuto il pass per Tokyo 2021 lo scorso anno dai 50 metri nei Tricolori invernali di Riccione. A loro si aggiungono Gabriele Detti, Marco De Tullio, Federico Burdisso e Martina Caramignoli, promossi quest’estate a Roma. Anche Federica Pellegrini formalmente ha già il posto assicurato in quanto campionessa mondiale, ma ha declinato la corsia privilegiata e scenderà regolarmente in vasca. La nuotatrice, che è recentemente guarita dal Covid-19, vuole infatti mettersi alla prova dopo essere stata costretta a interrompere gli allenamenti. Il suo effettivo stato di forma è un punto di domanda.

Pellegrini nuoto
(Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

Gli atleti in cerca del pass

Tra gli atleti che intendono staccare il pass al più presto c’è Filippo Magnini, che a quasi 39 anni ha deciso di rimettersi nuovamente in gioco dopo il ritiro del 2017. Nei 100 stile libero a contendersi la miglior prestazione anche Luca Dotto e Manuel Frigo. Per il rientrante sarà dunque un’importante sfida personale. Lo stesso vale tuttavia per le giovani promesse azzurre del nuoto, nonostante la differenza di età con il campione non sia indifferente. Tra tutte spiccano la quindicenne pugliese Benedetta Pilato, che nel 2019 è stata la più giovane azzurra della storia a debuttare in un Mondiale, ed il volto nuovo del mezzofondo Giulia Salin. Quest’ultima nei 400 sl e negli 800 sfiderà Martina Caramignoli. Le due nuotatrici, tuttavia, non sono le uniche promettenti. Tra gli altri da cui ci si aspettano sorprese ci sono anche i dorsisti Erika Gaetani e Thomas Ceccon.

Leggi anche -> Federica Pellegrini dopo il nuoto | Il sogno nel cassetto dell’atleta

Gli assenti agli Assoluti di Nuoto

Diversi atleti sono stati costretti a dare forfait all’appuntamento con gli Assoluti di Riccione. Mancano per la positività al Covid-19 o per i suoi postumi i già qualificati ai Giochi di Tokyo Gabriele DettiMarco De Tullio, Margherita Panziera e Simona Quadarella, mentre tra i non qualificati Filippo Megli Carlotta Toni. Assente anche il capitano della Nazionale Fabio Scozzoli, che ha un problema al gomito e non ha avuto ancora l’occasione di staccare il pass.

Butini: “C’è voglia di tornare in vasca”

Il direttore tecnico della Nazionale azzurra, Cesare Butini, ha presentato gli Assoluti Invernali Open di Riccione: “Siamo ormai a poche ore dall’inizio di un campionato che ha vari aspetti particolari. La manifestazione – ha dichiarato – s’inserisce in un momento molto complesso da un punto di vista sanitario ed economico. È un evento fortemente voluto dallo staff tecnico e dal management federale per dimostrare l’esistenza di una realtà come quella sportiva molto ben radicata nel tessuto sociale ed economico nazionale”.

Leggi anche ->  Il ritorno di LeBron James | Los Angeles Lakers sul velluto

Oltre alla volontà di fare sì che lo sport torni alla normalità, per molti atleti si tratta di un’occasione importante per dimostrare le loro qualità a livello tecnico e staccare il pass per i Giochi di Tokyo. “Il regolamento  – continua Butini – è rimasto invariato rispetto allo scorso anno sia come procedure che come tempi limite. Sono stati confermati gli atleti che avevano acquisito il pass ai campionati del dicembre 2019. C’è tanta voglia di tornare a gareggiare; ci sono buone aspettative da alcuni atleti come Miressi, Frigo, Martinenghi, Acerenza, Paltrinieri, Rivolta, Ceccon, Pilato, Castiglioni, Carraro, Di Liddo, Bianchi. Purtroppo, oltre alle defezioni a causa del Covid o post Covid (Detti, De Tullio, Megli, Panziera, Quadarella, Toni) o per infortunio (Scozzoli), ci saranno altri atleti la cui partecipazione è condizionata da una una preparazione compromessa dallo stop a causa Covid (Pellegrini)”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here