Arsenal-Benfica 3-2, vanno avanti i Gunners: cronaca e tabellino

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:48

L’Arsenal batte il Benfica grazie al gol di Aubameyang a pochi minuti dalla fine. Portoghesi avanti 1-2, ma la reazione dei Gunners ha ribaltato il risultato.

Arsenal Benfica
L’Arsenal esulta dopo il gol di Tierney (credit: Getty Images)

Arsenal-Benfica, cronaca e diretta live

Si riparte dall’1-1 dell’andata, si riparte dal rigore di Pizzi e dal gol di Saka: Arsenal e Benfica scendono in campo per guadagnarsi la qualificazione agli ottavi di Europa League. Si gioca in Grecia (Atene) allo stadio Georgios Karaiskakis a causa delle regole anti-covid che vietano gli spostamenti ai residenti del Regno Unito in alcuni Paesi d’Europa. La partita si sblocca al 20′ grazie ad un assist illuminante di Saka che pesca Aubameyang: il capitano dei Gunners supera Leite con un delizioso tocco sotto. Dopo 23 minuti Goncalves riporta il risultato in parità con una fantastica punizione dal limite dell’area. I portoghesi vanno in vantaggio con Rafa Silva al 62′, abile a sfruttare un retropassaggio suicida di Ceballos e a scartare Leno per segnare a porta vuota. Il club di Londra non si arrende e reagisce al 68′, trovando il pareggio con un sinistro potente di Tierney ad incrociare. A 3 minuti dalla fine viene completata la rimonta: altro assist fantastico di Saka e colpo di testa di Aubameyang da distanza ravvicinata per il 3-2. Il risultato non cambia più e quindi a qualificarsi agli ottavi è l’Arsenal con un punteggio complessivo di 4-3.

LEGGI ANCHE -> Benfica-Arsenal 1-1: Saka risponde a Pizzi, la cronaca

Arsenal-Benfica, le formazioni ufficiali

Arsenal (4-2-3-1): Leno; Bellerin (78′ Lacazette), David Luiz, Gabriel Magalhaes, Tierney; Xhaka, Ceballos (63′ Thomas); Saka (90′ Elneny), Odegaard (90′ Chambers), Smith Rowe (63′ Willian); Aubameyang. Allenatore: Arteta

Benfica (3-4-3): Leite; Verissimo, Otamendi, Vertonghen; Goncalves, Taarabt (58′ Gabriel), Weigl, Grimaldo (85′ Tavares); Pizzi (58′ Everton), Seferovic (58′ Nunez), Rafa Silva. Allenatore: Jesus

  • Arbitro: Björn Kuipers (NED)
  • Assistenti: Sander van Roekel (NED) – Erwin Zeinstra (NED)
  • VAR: Pol van Boekel (NED)
  • AVAR: Rob Dieperink (NED)
  • IV uomo: Danny Makkelie (NED)

Tabellino

Arsenal-Benfica 3-2 (20′, 88′ Aubameyang, 68′ Tierney; 43′ Goncalves, 62′ Rafa Silva)
Ammoniti: 5′ Taarabt

Come si qualificano le squadre

Dopo l’1-1 dell’andata in “casa” (si è giocato a Roma in campo neutro) del Benfica, questi sono gli scenari.

L’Arsenal si qualifica se:

  • pareggia 0-0
  • vince

Il Benfica si qualifica se:

  • pareggia segnando almeno 2 gol (2-2, 3-3…)
  • vince

Si va ai supplementari se:

  • la partita termina 1-1

Precedenti e curiosità

Arsenal Benfica si sono incontrate per tre volte nelle competizioni europee e il risultato è sempre stato lo stesso: 1-1. I primi due incroci fra i club risalgono alla Coppa dei Campioni della stagione 1991/92: a seguito dei due pareggi furono i portoghesi a qualificarsi ai supplementari. Un eventuale 1-1 questa sera riproporrebbe lo stesso scenario di 30 anni fa.

Per Jan Vertonghen la sfida contro l’Arsenal sarà come un derby: il difensore belga è stato uno dei giocatori più rappresentativi del Tottenham negli ultimi anni. Con gli Spurs ha giocato 315 partite, segnando 14 reti e fornendo 7 assist. Ha affrontato i Gunners in maglia Tottenham per 14 volte (4 vittorie, 5 pareggi e 5 sconfitte), a cui si aggiunge il match d’andata giocato per il Benfica.

David Luiz è un ex del Benfica: ha giocato 130 partite per il club portoghese, segnando 6 reti e fornendo 9 assist. Il brasiliano ha iniziato la propria carriera calcistica in questo club, prima delle esperienze con Chelsea, PSG e Arsenal.