Venezia, Zanetti: “Complimenti ai miei, erano stremati. Empoli fortissimo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:45
0

Il Venezia ha conquistato un punto nello scontro diretto contro l’Empoli, valido per l’anticipo della 25a giornata di Serie B. Il buon momento dei lagunari prosegue a gonfie vele. Il tecnico Paolo Zanetti ne ha parlato al termine del match.

zanetti
Paolo Zanetti, allenatore del Venezia (Photo/Getty Images)

La striscia di risultati utili del Venezia prosegue. La squadra di Paolo Zanetti ha conquistato un pari nell’anticipo della venticinquesima giornata del campionato di Serie B contro la capolista Empoli. I lagunari erano andati in vantaggio nel primo tempo grazie a Mazzocchi, ma nella ripresa si sono fatti raggiungere da Haas. Un risultato che, ad ogni modo, soddisfa gli arancioneroverdi, che restano al terzo posto in virtù dello zero a zero della gara tra Reggiana Salernitana. Un po’ di rammarico, tuttavia, per avere mancato il sorpasso al Monza. La classifica continua ad essere cortissima.

Leggi anche -> Empoli-Venezia 1-1: quinto pari per la capolista. Tabellino e classifica

Zanetti nel post-gara

Paolo Zanetti, intervenuto ai canali ufficiali del club toscano al triplice fischio, ha commentato la prestazione della sua squadra: “Siamo venuti qui a Empoli con grandissima umiltà, com’è giusto che sia quando affronti la prima in classifica, che ha perso una volta in campionato, per giunta contro di noi. Gli avversari vanno sempre rispettati, oggi devo fare i complimenti ai miei calciatori, sono usciti dal campo veramente stremati, hanno giocato contro una compagine che nella ripresa ha mostrato tutte le proprie qualità anche nell’organico. Abbiamo interpretato benissimo il primo tempo, era presumibile soffrire nella ripresa. Portiamo a casa un punto dimostrando che noi non siamo solo gioco ma anche tanto cuore e anima. Ritengo che ciò possa piacere molto ai nostri tifosi.

E aggiunge: “L’Empoli centralmente difende benissimo, ergo abbiamo cercato di attaccarli lateralmente attraverso i cambi di gioco, muovendo la palla in maniera veloce. Così facendo è arrivato il gol di Mazzocchi. Come dicevo, l’interpretazione, soprattutto nel primo tempo, è stata ottima. Va riconosciuta la forza dell’Empoli, palesata nella ripresa e che ha dimostrato il perché i toscani siano al primo posto. I quattro punti ottenuti contro di loro devono darci fiducia e consapevolezza in vista della prossima partita. Questi incontri servono a capire chi siamo e per cosa possiamo competere. Quanto fatto oggi va valorizzato con una grande prestazione lunedì. Ho visto i ragazzi uscire stremati sia a livello fisico che mentale, dovremo essere rapidi a recuperare perché la continuità è fondamentale per restare in alto”.

Infine, sulla prestazione dei singoli giocatori: “Dezi mi è piaciuto, ha giocato un’ottima partita. Tecnicamente dimostra di avere delle doti importanti, è un giocatore di personalità che sa aiutare anche in fase di non possesso. Era prevedibile che non avrebbe retto i novanta minuti. Oggi — ha concluso Zanetti mi è piaciuto anche Esposito, è entrato in un momento difficile e ha corso molto, oltre a darci qualità”.

Venezia, Ceccaroni: “Punto d’oro, vogliamo play-off”

Pietro Ceccaroni è soddisfatto della prestazione della sua squadra. Al difensore del Venezia, inoltre, va il merito di avere salvato il risultato su una pericolosa occasione degli avversari nel secondo tempo: “Quel mio intervento difensivo è stato importante soprattutto per la squadra. Abbiamo messo veramente il cuore in questa partita, ci tenevamo tanto. Loro sono una squadra molto forte, lo sappiamo. Tutti abbiamo dato qualcosa in più ed usciamo da qui, secondo me, con un punto d’oro. Secondo me, nel primo tempo, abbiamo fatto una grande partita sotto tutti i punti di vista, sia in fase difensiva che nella gestione della palla. Nella ripresa, dove siamo un po’ calati, è uscita fuori la forza dell’Empoli. Penso, però, che il pareggio sia giusto“.

L’obiettivo restano i play-off, anche se gli arancioneroverdi sembrano potere puntare anche alla promozione diretta: “Parliamo ancora di un sogno perché mancano tredici giornate, quindi è ancora lunga. Noi, giorno dopo giorno, lavoriamo per raggiungere quel sogno che è nato qualche settimana fa“. Infine, sul compagno Forte: “Mi ha detto di non far segnare Mancuso, quindi auguro che paghi almeno una cena a noi difensori (ride, ndr). Franci non ha fatto gol ma ha lavorato tanto per la squadra. I gol, poi, sono una conseguenza. È — conclude Ceccaroni un grande giocatore“.

Mazzocchi e la dedica del gol

Pasquale Mazzocchi ha realizzato la straordinaria rete che ha portato in vantaggio il Venezia nel primo tempo: “All’inizio avevo pensato di crossare, poi andando verso la porta e avvicinandomi al portiere ho pensato di alzare la palla. È andata bene e sono veramente contento. L’esultanza? Desideravo da tempo dedicare un gol a un mio amico che purtroppo non c’è più, si chiamava Gennaro. Eravamo consapevoli di venire ad affrontare una squadra forte, non a caso in testa alla classifica. Abbiamo offerto una grande prestazione. Quando giochi contro certe compagini e stai vincendo 1-0, nella ripresa tendi ad abbassarti. L’Empoli sa palleggiare molto bene, ci può stare soffrire un po’, ma ritengo che oggi abbiamo messo grande cuore che, se preservato, ci permetterà di fare qualcosa di importante nelle prossime partite”.

Ora la testa va al match contro la Reggiana: “Dobbiamo resettare e dimenticare quanto di più o meno buono fatto, perché in questo momento bisogna pensare che quella contro gli emiliani sia la partita più importante. Ragioniamo una partita alla volta”, ha concluso.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here