Sampdoria, Ranieri: “Pari giusto, ma senza tifosi non è derby”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:36
0

Claudio Ranieri, allenatore della Sampdoria, commenta il derby pareggiato dalla sua Sampdoria contro il Genoa con il risultato di 1-1.

Sampdoria Ranieri
L’allenatore della Sampdoria, Claudio Ranieri (Credits: Getty Images)

Tonelli risponde a Zappacosta e salva la Sampdoria nella notte più importante. Il difensore incorna l’unica occasione da rete blucerchiata e batte Perin, così la Samp si porta a casa un pareggio prezioso, il secondo dopo la stracittadina dell’andata. E’stato un derby non spettacolare, giocato quasi in maniera blanda e Ranieri la sua risposta su questo punto la regala subito: “Non è stato un derby scintillante, ma un derby senza tifosi penso sia una delle cose più brutte che si possa vedere nel calcio”

LEGGI ANCHE: Genoa-Sampdoria 1-1 cronaca, tabellino, classifica

LEGGI ANCHE: Genoa, Ballardini: “Non sono deluso, ma meritavamo di più”

Le parole di Ranieri dopo Genoa-Sampdoria 1-1

Il tecnico passa poi a commentare e analizzare la partita: “Abbiamo iniziato bene ma per la fretta di andare troppo in velocità abbiamo sbagliato spesso l’ultimo passaggio. Per il resto direi che la gara è stata pari, non solo nel punteggio. Si sono affrontate due squadre che cercavano l’affondo senza rischiare più del dovuto. Prima ha segnato il Genoa, poi noi abbiamo pareggiato”.

E’stata una Samp diversa tatticamente all’inizio della gara, Ranieri ha schierato il 3-4-1-2, già visto in stagione: “sto cercando di portare la squadra a giocare con due punte e un trequartista, ma non sempre è possibile. “Sappiamo benissimo che quando giochiamo con il 4-4-1-1 o 4-4-2 la squadra trova subito i suoi meccanismi. E’ che oggi volevamo fare una partita differente e ci stavamo riuscendo”.

Sul gol di Zappacosta nessuna responsabilità individuale: “Ha vinto un rimpallo e si è involato in diagonale ritrovandosi davanti ad Audero. E’ stato bravo lui e fortunato nel vincere il rimpallo”. Ultime battute dedicate a Candreva e Keita: “Hanno fatto bene tutti e due perché si sono da fare. Candreva ha fatto quattro gol e sei assist, un uomo da dieci gol. Keita si sta ritrovando, sta entrando sempre di più nei nostri meccanismi. Ha tutto per migliorare”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here