Cagliari-Juve, Pirlo: “La nostra stagione non è finita col Porto”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:13
0

Pirlo in conferenza stampa prima di Cagliari-Juve: “La stagione non può mai finire a marzo. Abbiamo ancora obiettivi importanti”

Andrea Pirlo (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)
Andrea Pirlo (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

 

I punti da recuperare all’Inter sono 10 e c’è un Juve-Napoli da recuperare: per i bianconeri non è detta l’ultima parola. L’obiettivo è trovare nuovi stimoli, creare mattone su mattone un entusiasmo per dare solidità e continuità al nuovo corso bianconero. Trasferta in terra sarda domani per la Juventus, ospite del Cagliari (ore 18,00) alla Sardegna Arena nel match valido per la 26° giornata di Serie A. Oggi Mister Andrea Pirlo ha risposto alle domande dei giornalisti nella consueta conferenza stampa.

Leggi anche > Dalla Spagna: “Ronaldo vuole tornare al Real”. Intanto CR7 parla su Instagram

Pirlo è apparso deluso ma allo stesso tempo carico: “La squadra si sta riprendendo dalla delusione per l’eliminazione contro il Porto. Ci siamo allenati assieme e abbiamo ripreso a lavorare. Affronteremo un Cagliari che ha cambiato da poco allenatore e ha subito ottenuto ottimi risultati. Quindi sarà una partita importante e ci vorranno grande orgoglio e spirito di squadra per fare una bella gara”.

Cagliari-Juve, Pirlo: “Finale di Coppa Italia e 13 gare di campionato. La stagione non è finita”

Continua Pirlo: “Domani mancheranno RamseyDemiral, Dybala e Bentancur. Chiellini potrebbe giocare dal primo minuto. Kulusevski è un giocatore molto giovane che ha ancora degli ampi margini di miglioramento sia dal punto di vista tecnico che tattico: è un giocatore in grado di ricoprire diversi ruoli e potrebbe essere utilizzato anche in posizione più centrale come centrocampista. In base all’atteggiamento tattico che vogliamo adottare nelle prossime gare potrebbe essere impegnato anche in questa posizione. Dobbiamo ripartire con entusiasmo a incominciare da domani contro il Cagliari. Nei momenti di difficoltà bisogna tirare fuori il meglio e dimostrare che siamo la Juventus. A marzo la stagione non è ancora finita. Abbiamo 13 partite di campionato da giocare oltre alla finale di Coppa Italia. I nostri obbiettivi non sono cambiati e dipende da noi la possibilità di centrarli”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here