Vicenza, Di Carlo: “Gara del riscatto, ritmi saranno alti. Meggiorini out”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:54
0

Il Vicenza sarà ospite della Reggina nella 33a giornata di Serie B. Un importante scontro diretto a metà classifica tra due squadre che guardano alla zona play-off. Il tecnico biancorosso Vincenzo Di Carlo ne ha parlato in conferenza stampa alla vigilia.

di carlo
Domenico Di Carlo, allenatore del Vicenza (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

La trentatreesima giornata del campionato di Serie B porterà domani pomeriggio il Vicenza allo Stadio Oreste Granillo di Reggio Calabria. I biancorossi, reduci dalla sconfitta contro l’Ascoli, affronteranno la Reggina a partire dalle 15.00. Uno scontro diretto importante a metà classifica. Le due squadre infatti hanno entrambe 41 punti. Il rischio retrocessione sembrerebbe essere archiviato, ma un occhio resta attento nei confronti della zona play-off. Per provare a credere nella corsa alla promozione in massima categoria servono però punti preziosi. Gli uomini di Domenico Di Carlo, per questa ragione, proveranno già da domani a conquistarli, in modo da riscattarsi anche dal ko dello scorso turno.

Di Carlo alla vigilia

Domenico Di Carlo, intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della trasferta, ha parlato delle insidie che gli avversari potrebbero tendere ai suoi uomini: “La Reggina ha giocatori che fanno la differenza mentre noi la squadra. Con una vittoria si può ambire alla salvezza e probabilmente a fare qualcosa di diverso. Noi dobbiamo andare a riscattarci. Domani non ci saranno giocatori che hanno alzato il tasso di qualità, però ne abbiamo altri che possono fare bene. Mi aspetto una partita con ritmo alto e aggressività“.

E sulla formazione: “Meggiorini non sarà della partita. Oggi si è allenato ma non è ancora al 100%. Da Riva ha dato contributo ad Ascoli e lo farà anche a Reggio Ci sono 23 convocati. Ogni squadra dev’essere al 100% per provare a vincere le partite, ad Ascoli non era così, i ritmi poi si sono abbassati e la qualità non è uscita. I ragazzi hanno capito che la gara di domani va interpretata con un atteggiamento diverso. Oggi non voglio parlare dell’undici titolare A prescindere da chi scende in campo, se giochiamo con i ritmi alti possiamo vincere con chiunque, voglio questo coraggio“.

Un focus, infine, su Mancini: “Nel girone d’andata doveva crescere e abituarsi ai ritmi, oggi sta facendo il percorso di crescita per reggere l’urto per più tempo, deve stare sereno, e domani o quando sarà potrà giocare anche titolare, lui è un giocatore di prima squadra e non più di Primavera. E’ fisicamente forte, rapido e veloce nonostante l’altezza, ha forza, caparbia e crede nelle cose che fa, ma – ha concluso Di Carlo  deve crescere e non dobbiamo dargli troppa pressione“.

Leggi anche -> Diritti tv Mondiali 2022 assegnati in esclusiva ad una emittente

Cinelli: “Sognare è bello per tutti”

vicenda di carlo
Antonio Cinelli, centrocampista del Vicenza (Photo/Getty Images)

Anche Antonio Cinelli ha parlato in conferenza stampa in vista del match contro la Reggina. Il centrocampista è tornato innanzitutto a parlare della sconfitta dello scorso turno: “Siamo consapevoli di non aver fatto una grandissima partita ad Ascoli, ma sappiamo cosa dobbiamo fare da qui alla fine. La squadra è compatta, il gruppo ha dimostrato di essere in fiducia, anche nei momenti difficili. Se vengono a mancare determinati aspetti, come l’aggressività e poi prendiamo gol, diventiamo una squadra normale. Noi riusciamo sempre a trovare la rete, evitare di subirne, ci rende consapevoli che anche alla fine, possiamo vincerla. Purtroppo esistono anche le giornate negative, fino ad oggi non abbiamo sbagliato tante partite a livello mentale e fisico, con la Reggiana abbiamo avuto un atteggiamento simile e abbiamo perso, altre le abbiamo perse non meritando però la sconfitta. Questa sconfitta la lego molto a quella subita contro la Reggiana, dove è mancato il nostro spirito e quando manca lo spirito da Vicenza, andiamo un po’ in difficoltà“.

Il giocatore del Vicenza ha le idee chiare in merito a ciò che serve alla sua squadra nel finale di stagione: “Servono punti per la salvezza, che è il nostro obiettivo da inizio stagione. Poi sognare è bello per tutti e immagino che i tifosi stiano sognando i play-off, ma la strada è lunga. Questa squadra lottando è riuscita a sopperire ai tanti infortuni, al Covid e siamo soddisfatti per il percorso fatto nonostante le avversità. La Reggina è una squadra solida, concreta, che ha disputato come noi un buon campionato da neo-promossa. La priorità per entrambe le squadre è la salvezza. Penso che dopo il cambio di allenatore abbiano avuto un cambio di mentalità, spesso i cambi possono portare nuova positività e il loro trend è positivo. E’ una squadra difficile da affrontare, ma su ogni campo bisogna dare sempre il massimo, perché nessuno regala nulla. Tante pressioni ce le siamo tolte, ora c’è da dare un colpo definitivo a questo campionato. Non siamo ancora salvi, siamo in una posizione tranquilla, ma va consolidata. Senza la pressione di prima non devono però venire a mancare cattiveria e fame“.

E sul momento personale che sta vivendo: “Le scelte del mister vanno prese nel modo giusto, evidentemente ha valutato altre situazioni che condivido e rispetto. Devo fare io qualcosa di più per ritagliarmi più spazio possibile, però penso che ci sia tanta competizione, abbiamo giocato tutti. Il campionato è stato difficile, con tante partite ravvicinate e per questo magari ci è stato anche tanto turnover per permettere a tutti di riprendere le forze. La concorrenza in Serie B è alta e nessuno ha il posto fisso, dovrò cercare io di meritarmi più minutaggio. Al futuro non ci penso, l’obiettivo è portare la squadra alla salvezza, spesso si pensa che la salvezza non sia un obiettivo importante all’esterno e si sottovaluta, ma è uno obiettivo che permette alla società di lavorare nel modo giusto. Il goal devo ammettere che mi manca, ci sto lavorando e fino all’ultima partita cercherò di togliermi questo sfizio, perché è importante sia per me, sia per la squadra. Motivazioni dopo tanti anni? Sono quasi nuovo, visto che sono tornato due anni fa (ride, ndr). Gli stimoli qui si percepiscono sempre per il valore della maglia, l’entusiasmo e la piazza“.

Leggi anche -> Semplici: “Basta parole, ora servono i fatti”

I convocati di Di Carlo per Reggina-Vicenza

La lista dei 23 biancorossi convocati da mister Di Carlo per la partita di Campionato contro la Reggina, in programma domani, domenica 11 aprile, alle ore 15:00 allo stadio Granillo.

PORTIERI – Grandi, Perina, Zecchin

DIFENSORI – Barlocco, Beruatto, Bruscagin, Cappelletti, Ierardi, Padella, Pasini, Valentini

CENTROCAMPISTI – Agazzi, Cinelli, Da Riva, Nalini, Pontisso, Rigoni, Vandeputte, Zonta

ATTACCANTI – Giacomelli, Gori, Longo, Mancini

Assenti gli infortunati Nicola Dalmonte, Davide Lanzafame e Riccardo Meggiorini, oltre allo squalificato Lamin Jallow.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here