Euro 2020, il coordinatore del CTS: “Faremo di tutto per aprire l’Olimpico”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:23

Franco Locatelli, coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico, ha parlato in merito all’apertura dello stadio Olimpico in occasione di Euro 2020. 

euro 2020
In vista di Euro 2020 si lavora per riportare il pubblico all’Olimpico – foto figc.it

L’Italia ha tempo fino al 19 aprile per confermare alla UEFA la presenza allo stadio Olimpico di almeno il 25% dei tifosi e assicurare così Roma come una sedi di Euro 2020. In caso contrario, le partite che si dovrebbero giocare in Italia verranno presumibilmente disputate altrove. È quindi cominciata una corsa contro il tempo, con la decisione finale che spetterà al nostro Governo. A parlare della situazione, ai microfoni di Radio Anch’Io lo Sport, è stato Franco Locatelli, coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico: “Verrà fatto ogni sforzo per tenere la partita inaugurale degli Europei a Roma e di tutte le altre partite. Il CTS può dare tutto il supporto tecnico possibile poi la scelta è politica. Sarebbe auspicabile che la UEFA ci lasci più tempo perché è difficile fare una previsione in una settimana”. 

Leggi anche: Euro 2020, sì al pubblico all’Olimpico. Gravina: “Grazie al Ministro Speranza”
Leggi anche: Euro 2020: tifosi sugli spalti per risvegliare il calcio dal torpore

Il coordinatore del CTS ha proseguito: “Io credo che se riuscissimo a prendere una decisione sui primi giorni di maggio, potremmo prendere una decisione migliore. Fare delle previsioni a due mesi di distanza è impegnativo. App per il tracciamento? Sono uno strumento importante ma c’è da gestire anche la parte del trasporto pubblico. Gli eventi di massa sono i più difficile da gestire per quanto riguarda la salute di massa”. 

Serie A, il CTS sulla possibilità aprire gli stadi la prossima stagione

Sui vaccinati a Euro 2020, il coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico ha detto: “Si potrebbe ragionare di più su chi ha già ricevuto il vaccino ma senza travolgere le linee della campagna vaccinale”. 

Locatelli ha poi parlato della possibilità di riaprire gli stadi in Serie A per la prossima stagione: “Me lo auguro perché riaprire gli stadi vorrà dire che avremmo fatto ripartire altri aspetti della vita sociale”.