Pirelli ha comunicato i risultati sullo scoppio delle gomme a Baku

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:25

La Pirelli, con la Fia, ha comunicato i risultati dell’indagine aperta per determinare le cause degli scoppi delle gomme di due piloti durante il GP di Azerbaigian

Pirelli Formula 1
Pirelli ha comunicato i risultati sullo scoppio delle gomme a Baku Credit Foto Getty Images

La Pirelli, dopo aver aperto un’indagine volta a determinare le cause del cedimento dei pneumatici posteriori sinistri di Stroll e Verstappen nel GP di Azerbaigian, comunica i risultati. Per scoprire le cause sono state poste diretto confronto le gomme danneggiate con altri pneumatici aventi lo stesso livello di utilizzo (stesso numero di giri percorsi e condizioni di carico di carburante) relative alle specifiche fasi di gara. Dai risultati ottenuti i tecnici Pirelli hanno constatato che è da escludere difetti legati al processo di produzione e di qualità dei pneumatici.

Leggi anche -> GP Azerbaijan: Sergio Perez vince una gara piena di colpi di scena

L’esito

Dalle indagini si è scoperto che la deflazione dei due pneumatici sia scaturita, in entrambi i casi, da un taglio lungo la circonferenza del fianco interno del pneumatico. Escludendo il difetto di fabbricazione, tale tipologia di danno è causato dalle specifiche condizioni di utilizzo della gomma. Possibile che la causa sia da ricercare dalle impostazioni dei team, ossia la pressione minima e la temperatura massima delle termocoperte adottate.

Leggi anche -> Alonso è carico in vista del GP di Francia

Protocolli aggiornati

La Pirelli, dopo aver informato la Fia dell’esito dell’indagine, ha ritenuto opportuno modificare, in accordo con la Federazione, i protocolli di verifica. Una nuova direttiva è già stata inviata ai team sulle nuove procedure che saranno in vigore dal GP di Francia di questo fine settimana.