Milan, Pioli tiene tutti in riga: “Troppo presto per parlare di scudetto”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:10

Il Milan di Pioli ospita il Torino e cerca la vittoria per continuare ad allungare sulle inseguitrici. Il mister però non vuole sentire parlare di scudetto: ecco le sue dichiarazioni.

Stefano Pioli, allenatore del Milan (credit: Getty Images)
Stefano Pioli, allenatore del Milan (credit: Getty Images)

Dopo otto vittorie e un pareggio in casa della Juve, il Milan si prepara per la decima giornata di Serie A. Nel turno infrasettimanale la squadra rossonera ospiterà domani sera alle 20.45 il Torino di Juric. Dopo la scoppiettante vittoria per 2-4 contro il Bologna, gli uomini di Pioli sono attesi da un’altra prova di maturità contro una squadra in fiducia e difficile da affrontare. La prestazione del Milan contro il Bologna non è stata convincente, ma nonostante le tante defezioni è riuscita a portare a casa l’obiettivo principale, i tre punti. Servirà sicuramente una partita più qualitativa da parte dei rossoneri per superare l’ostacolo Toro, ma mettendo in campo la stessa mentalità vincente che ha contraddistinto il Milan in questo inizio di campionato. Pioli ha presentato la sfida e ha parlato anche del recupero di due dei giocatori più importanti della squadra, Theo Hernandez e Kessié.

LEGGI ANCHE –> Torino, Juric chiaro su Belotti: “Non rinnova quest’anno”

LEGGI ANCHE –> L’incredibile espulsione dell’allenatore lascia tutti senza parole

Milan, la conferenza stampa di Pioli

“Troppo presto per parlare di scudetto dopo nove partite”

Il Milan ha iniziato come meglio non avrebbe potuto questo campionato, conquistando il maggior numero di punti da 70 anni a questa parte. Mentre solo il Napoli è riuscito a tenere il passo dei rossoneri, le altre, a partire dall’Inter terza, hanno già accumulato un distacco di almeno 7 punti dai rossoneri. Per Pioli però è ancora troppa prematura la stagione per poter parlare di scudetto, e anzi è convinto che la sua squadra possa e debba ancora migliorare molte cose. Il Milan deve pensare partita per partita e cercare di segnare sempre un gol in più degli avversari.

“Ibra e Giroud devono trovare continuità, ma non giocheranno insieme dall’inizio”

Anche se non in perfette condizioni fisiche, Pioli può contare per la prima volta dall’inizio della stagione su entrambe le sue prime punte. Sulla possibilità di schierare insieme dall’inizio Ibrahimovic e Giroud però il mister rossonero non si è espresso positivamente. Il Milan ha altre caratteristiche da sfruttare, ma ciò non preclude qualora il momento della partita lo richiedesse l’impiego di entrambi. La fisicità e l’esperienza in quei casi potrebbero fare la differenza, e due attaccanti del genere potrebbero mettere in apprensione qualsiasi difesa.

“Theo Hernandez non partirà dall’inizio, Kessié non giocherà da trequartista dal 1′”

I rossoneri per questa partita recuperano due dei giocatori più importanti nello scacchiere di Pioli. Infatti dopo la partita con il Bologna Theo Hernandez è risultato negativo al tampone ed è potuto tornare subito ad allenarsi con i compagni. Pioli lo convocherà ma il terzino francese partirà dalla panchina, pronto a subentrare per spaccare la partita. L’altro giocatore che tornerà disponibile contro il Torino è Kessié, che ha superato l’influenza ed è pronto anche per partire dall’inizio. Su un possibile impiego del centrocampista ivoriano da trequartista però Pioli ha risposto che potrebbe accadere solo a partita in corso, ma che sia Krunic che Maldini possano avere caratteristiche più adatte per ricoprire il ruolo tra le linee.