Juventus, Allegri duro con i suoi: “Dobbiamo stare zitti e lavorare”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:49

La Juventus di Allegri si prepara per la sfida contro lo Zenit che potrebbe qualificare i bianconeri con due turni di anticipo: ecco le dichiarazioni.

Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus (credit: Getty Images)
Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus (credit: Getty Images)

La Juventus di quest’anno ha mostrato una doppia faccia: in campionato è sprofondata a metà classifica dopo le meritate sconfitte contro Sassuolo e Verona, e dopo undici giornate è a -16 dalle capoliste Napoli e Milan. In Champions League invece potrebbe già staccare il pass per gli ottavi di finale con due turni di anticipo, dopo aver vinto le prime tre partite del girone. Alla viglia del ritorno all’Allianz Stadium contro lo Zenit San Pietroburgo, Massimiliano Allegri ha parlato del momento della sua Juventus in conferenza stampa.

LEGGI ANCHE –> Atalanta, Gasperini in conferenza: “Stringiamo i denti per qualificarci”

LEGGI ANCHE –> Mourinho infuriato con la classe arbitrale: “Non c’è rispetto” VIDEO

Juventus, la conferenza stampa di Allegri

“Abbiamo buttato a mare in 5 giorni un mese e mezzo di lavoro”

Massimiliano Allegri ha espresso tutta la sua amarezza per i risultati ottenuti dalla sua squadra nelle ultime due di campionato. La Juventus deve lavorare e tornare a ricostruire quello che aveva ottenuto prima di Sassuolo e Verona. Allegri ha rimarcato come 11 dei 15 gol siano stati presi da squadre che lottano nella parte destra della classifica, e che ciò debba far riflettere i suoi giocatori. “Chi vince è bravo e chi perde ha torto”: se secondo Allegri questa è una legge del calcio la sua squadra deve subito rimettersi sui binari giusti.

“De Ligt e Chiesa stanno bene, ma deciderò domattina”

La Juventus potrà contare su due giocatori giovani ma fondamentali come De Ligt e Chiesa per la partita di domani, ma Allegri ha ammesso che deciderà solo domattina chi schierare dal 1′. Saranno ancora indisponibili invece Kean, De Sciglio e Ramsey.

“Morata, Dybala e Chiesa possono giocare insieme”

Le potenzialità offensive della Juventus sono importanti e Allegri lo sa, anche se per ora solo contro il Sassuolo ha schierato contemporaneamente Morata, Dybala e Chiesa. Possono giocare insieme, ma dipende dall’atteggiamento che mostrano in campo. Chiesa ha recuperato e potrebbe giocare dall’inizio, Morata è stato criticato ma non è diventato improvvisamente scarso, deve solo lavorare tanto come gli altri.

“Voglio stare alla Juventus il più a lungo possibile”

Allegri ha ribadito di aver accettato la sfida di tornare alla Juventus per rimanerci il più a lungo possibile. Si sente l’allenatore dei bianconeri ma sa che per tornare ai vertici serve tanto lavoro e tempo, facendo le cose un mattoncino alla volta. La sua squadra deve pensare innanzitutto a vincere contro lo Zenit per qualificarsi agli ottavi, così poi da potersi concentrare sul campionato e sulla sfida alla Fiorentina.