Juventus, Allegri avvisa i suoi: “Contro il Chelsea test importante”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:47

La Juventus di Allegri domani sera affronta in campioni in carica del Chelsea con l’obiettivo di vincere il girone: ecco le parole del mister bianconero.

Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus (credit: Getty Images)
Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus (credit: Getty Images)

La Juventus si prepara per la penultima partita del girone di Champions League contro il Chelsea a Stamford Bridge. Dopo quattro vittorie su quattro e una qualificazione agli ottavi già conquistata, la squadra di Allegri proverà a ottenere almeno un pareggio per vincere il gruppo H. Arrivare primi nel girone significherebbe avere più probabilità di evitare top club nella prima fase a eliminazione diretta. La fondamentale vittoria contro la Lazio per 0-2 potrebbe aver dato la spinta giusta alla Juve per raddrizzare una stagione partita male in Serie A. La partita contro il Chelsea rappresenta perciò un bel test per vedere le risposte che la squadra saprà dare dopo una prestazione di livello come quella dell’Olimpico: ecco le parole di Allegri.

LEGGI ANCHE –> Golden Boy 2021: Pedri vince il premio di miglior giovane d’Europa

LEGGI ANCHE –> Caso Pantani: riaperta l’inchiesta per la terza volta

Juventus, la conferenza stampa di Allegri

“La partita con il Chelsea è un test importante”

Massimiliano Allegri sa dell’importanza della partita e pretende delle risposte da parte di tutti. Il Chelsea è una squadra fortissima, al momento in testa alla Premier League e campioni in carica in Champions, ma la Juventus ha già dimostrato di poter vincere come successo nella partita d’andata. Come dichiarato da Tuchel, è in dubbio la presenza in questa partita di Romelu Lukaku, in ripresa dall’infortunio. Allegri sa che il gioco del Chelsea cambia in base alla presenza o meno del centravanti belga, ma ciò che non dovrà cambiare sarà l’atteggiamento della Juve per tutti i 90 minuti.

“Dybala e Kulusevski saranno convocati”

Ritornerà per lo meno tra i convocati Paulo Dybala, al rientro dopo l’infortunio con l’Argentina ma ancora con pochi minuti nelle gambe. Convocato anche Kulusevski, mentre Alex Sandro tornerà titolare sulla sinistra dopo la buona prestazione di Pellegrini contro la Lazio. Out Danilo e Bernardeschi che ne avranno per un po’, mentre Chiellini e De Sciglio potrebbero esserci per l’Atalanta.

“Dobbiamo migliorare la fase realizzativa”

Sulla possibilità di schierare un 4-3-3 in futuro Allegri non si sbilancia, rispondendo come non sia una questione di numeri ma di caratteristiche. Il problema della Juventus è concretizzare di più le situazioni importanti che si vengono a creare, in modo da non rischiare nulla. Allegri ricorda i 18 gol fatti e i 15 subiti, ammettendo come sia necessario trovare più gol come squadra.

“Domani o Kean o Morata. Su Rabiot e McKennie…”

Allegri ha dichiarato che il ballottaggio tra Kean e Morata per una maglia da titolare sarà vivo fino all’ultimo minuto, perché entrambi hanno fatto bene contro la Lazio. Da non escludere una staffetta tra primo e secondo tempo. Rabiot era in crescita prima di prendere il Covid ma poi le sue prestazioni sono calate; nell’ultima partita a Roma ha fatto però benissimo e deve pensare solo a migliorare. McKennie invece sta bene sia mentalmente che fisicamente in questo periodo e sta diventando un giocatore importante per la Juventus.