Lazio-Udinese 4-4: cronaca del match, tabellino e dichiarazioni post partita

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:10

Termina 4-4 allo Stadio Olimpico tra Lazio e Udinese: ecco la cronaca, il tabellino e le dichiarazioni degli allenatori di un match pirotecnico.

Sergej Milinkovic-Savic segna il gol del 3-3 della Lazio (credit: Getty Images)
Sergej Milinkovic-Savic segna il gol del 3-3 della Lazio (credit: Getty Images)

Cronaca del match

Primo tempo

Al primo vero affondo della partita si porta in vantaggio l’Udinese: cross di Jajalo dalla trequarti per Beto che tutto solo in area di rigore la mette nell’angolino dove Reina non può arrivare. La Lazio reagisce immediatamente e ha subito quattro occasioni nitide per pareggiare con Luis Alberto (due volte), Acerbi e Immobile che però non inquadrano la porta di Silvestri. Ma al 32′ è ancora Beto che trova il raddoppio per l’Udinese dopo un’incredibile percussione centrale che non riesce a trovare l’opposizione di nessun difensore della Lazio né di Reina. Dopo soli due minuti però il solito Immobile accorcia le distanze insaccando da pochi passi dopo una bella azione di Felipe Anderson sulla destra. Quando il primo tempo pareva concluso, un’altra ripartenza della squadra di Gotti porta all’ 1-3 di Molina che, servito da Deulofeu, insacca nell’angolo dove Reina non può arrivare.

Secondo tempo

La Lazio inizia il secondo tempo con un altro spirito e dopo soli dieci minuti riesce già a recuperare il doppio svantaggio: prima Pedro accorcia le distanze con un destro a giro dentro l’area di rigore che fulmina Silvestri, poi Milinkovic-Savic la pareggia dopo una giocata pazzesca e una perla da fuori area che si insacca sotto l’incrocio dei pali. La partita sembra indirizzata ma un minuto dopo il 3-3 arriva l’espulsione di Patric, ingenuo nel trattenere Success e nel prendere il secondo giallo. Poco dopo però la situazione si riequilibra anche dal punto di vista degli uomini con il doppio giallo per Molina che salta con il gomito alzato su Radu. Al 79′ arriva il vantaggio della Lazio con un colpo di testa di Acerbi su punizione di Basic; la decisione del guardalinee di segnalare fuorigioco viene corretta dal Var. Al nono minuto di recupero succede l’incredibile: punizione per l’Udinese con Forestieri che appoggia dietro ad Arslan che, lasciato tutto solo al limite dell’area, segna il gol del 4-4. Nel finale da segnalare anche l’espulsione di Walace.

LEGGI ANCHE –> Torino-Empoli 2-2: cronaca del match, tabellino e dichiarazioni post partita

LEGGI ANCHE –> Fiorentina, rabbia Commisso: “Non accetto ricatti da nessuno per Vlahovic”

Lazio-Udinese 4-4: tabellino

Reti: 17′ e 32′ Beto, 34′ Immobile, 44′ Molina, 51′ Pedro, 56′ Milinkovic-Savic, 79′ Acerbi, 90’+9′ Arslan.

Lazio (4-3-3): Reina; Lazzari, Patric, Acerbi, Hysaj; Milinkovic-Savic, Cataldi (33′ st Zaccagni), Luis Alberto (20′ st Basic); Felipe Anderson (15′ st Radu), Immobile, Pedro.
A disposizione: Strakosha, Adamonis, Escalante, Radu, Leiva, Akpa Akpro, Basic, Vavro, Moro, Marusic, Muriqi, Zaccagni.
All. Sarri

Udinese (3-4-2-1): Silvestri; Perez, Becao (29′ st Nuytinck), Samir (41′ st Forestieri); Molina, Jajalo (19′ st Arslan), Walace, Udogie; Success (19′ st Pussetto), Deulofeu (30′ st Soppy); Beto.
A disposizione: Padelli, Carnelos, Nuytinck, Soppy, Zeegelar, Makengo, Arslan, Samardzic, Forestieri Nestrorovski, Pussetto, De Maio.
All. Gotti

Ammoniti: Patric, Immobile (L); Becao, Molina, Soppy, Udogie (U)
Espulsi: Patric (L); Molina, Walace (U)

Dichiarazioni post partita

Maurizio Sarri

Maurizio Sarri si è detto amareggiato e arrabbiato per la mancata vittoria dei suoi che sono stati raggiunti al nono minuto di recupero su una punizione che, secondo l’allenatore biancoceleste, era a favore della Lazio. Nonostante un primo tempo disordinato e confusionario, la sua squadra era riuscita a rimontare ed è stata a un passo dal vincerla.

Il lavoro di Sarri sarà fondamentale per rendere ragionata una squadra ancora istintiva e umorale. La fase difensiva della Lazio deve essere migliorata tanto, i difensori devono ancora capire i meccanismi del mister biancoceleste per evitare di correre all’indietro come successo troppe volte contro l’Udinese.

Luca Gotti

Luca Gotti si presenta davanti alle telecamere soddisfatto della mentalità della sua squadra che ha giocato senza paura contro una big, ma deluso dalla qualità del palleggio. L’Udinese sapeva che per mettere in difficoltà la Lazio avrebbe dovuto recuperare il pallone in una determinata zona di campo e, mentre nel primo tempo ciò è avvenuto, nel secondo hanno avuto la meglio le qualità dei giocatori biancocelesti. Comunque l’atteggiamento e la reazione avuta dall’Udinese nel finale hanno permesso di non perdere la partita.

Sull’espulsione di Molina ha dichiarato: Avevo più pensiero per l’ammonizione di Becao che per quella di Molina, stavo pensando di sostituire lui, non credevo di avere problemi da quel punto di vista lì, ma non mi pareva comunque un fallo da cartellino giallo il secondo, non ritengo andasse espulso”. Mentre per quanto riguarda Beto, autore di una doppietta: Beto dà l’impressione di avere margini notevolissimi, non bisogna aver fretta con lui, ma ci sta dando sotto già nel presente”.