Tottenham escluso dalla Conference League, Conte non ci sta: “Faremo ricorso”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:15

Il Tottenham di Antonio Conte è stato escluso dalla Conference League: l’allenatore ha annunciato il ricorso della sua società.

Conte Tottenham
Antonio Conte, allenatore del Tottenham [credit: Getty Images] – Meteoweek

Tottenham escluso dalla Conference League

Era nell’aria, ma ora è ufficiale: il Tottenham è stato escluso dalla Conference League a seguito dello 0-3 a tavolino contro il Rennes. Il club inglese, infatti, non ha potuto disputare il match contro i francesi a causa del focolaio Covid che aveva colpito calciatori e membri dello staff. A seguito della richiesta, gli Spurs hanno ottenuto il rinvio della UEFA, facendo però irritare il Rennes che si era già recato a Londra per scendere in campo.
Pochi giorni dopo è arrivata la notizia che ha sorpreso il Tottenham: non ci sono date disponibili per giocare la partita. Ne è conseguita la vittoria a tavolino dei francesi che ha estromesso Conte e la sua squadra dalla competizione.

LEGGI ANCHE -> Napoli-Spezia: probabili formazioni, precedenti e curiosità
LEGGI ANCHE -> Genoa-Atalanta 0-0: le parole di Shevchenko e Gasperini nel post partita

Conte non ci sta: “Siamo delusi, faremo ricorso”

La Conference League perde dunque una delle squadre candidate alla vittoria finale. Il Tottenham, a seguito della sconfitta a tavolino, ha chiuso il girone G da terzo in classifica alle spalle di Rennes e Vitesse. Un’ipotetica vittoria all’ultima giornata avrebbe permesso agli Spurs di superare gli olandesi per qualificarsi ai sedicesimi di finale.
L’allenatore dei londinesi Antonio Conte ha deciso di parlare della vicenda: qui le sue dichiarazioni.

Conte si espone

L’allenatore degli Spurs ha voluto chiarire che questa non è una sentenza definitiva e che ci sarà un altro passo prima di arrivare alla conferma. Conte ha dichiarato: “Siamo molto fiduciosi e ripeto che meritiamo di giocarci la qualificazione sul campo. Non posso accettare una cosa simile”. 
L’ex CT della Nazionale ha espresso il suo disappunto, unito a quello del club, per la decisione della UEFA a riguardo del risultato assegnato a tavolino: “Siamo molto, molto delusi. Meritiamo di giocare sul campo, non in questo modo. Non è colpa nostra”.

Ora il club presenterà ricorso alla UEFA per poter recuperare il match con i francesi: maggiori novità emergeranno nei prossimi giorni.