Chi è Matthias Ginter, roccia tedesca che piace all’Inter

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:30

Matthias Ginter lascerà il Borussia Monchengladbach a parametro zero in estate e l’Inter ci pensa: ecco il suo identikit.

Ginter
Matthias Ginter, difensore del Borussia Monchengladach [credit: Getty Images] – Meteoweek

Inter, piace Ginter

L’Inter sta già pensando al mercato estivo. Dopo aver bloccato Onana (portiere camerunense dell’Ajax), i nerazzurri hanno messo nel mirino un altro parametro zero: Matthias Ginter. Il difensore tedesco ha annunciato ufficialmente che lascerà il Borussia Monchengladbach in estate, alimentando così le voci di un suo possibile trasferimento a Milano.
I nerazzurri, infatti, rinnoveranno il reparto arretrato in estate: se Bastoni, De Vrij e Skriniar sono le certezze, lo stesso non si può dire di Kolarov, Ranocchia e D’Ambrosio. Le tre alternative non sono certe della permanenza (il serbo starebbe pensando al ritiro) e, per questo motivo, ci sarà bisogno di intervenire sul mercato.

LEGGI ANCHE -> Mercato Inter, occhio ai nomi sui piatti di Marotta e Ausilio

Chi è Matthias Ginter

Ginter è un difensore tedesco classe 1994, cresciuto nel Friburgo e con esperienze al Borussia Dortmund (con cui ha vinto la DFB Pokal, la Coppa Nazionale di Germania) e Borussia Monchengladbach. Con la Nazionale tedesca ha vinto il Mondiale in Brasile nel 2014, pur non essendo fra i protagonisti della Mannschaft. L’Inter sta seguendo la sua situazione con interesse in vista di un possibile addio di D’Ambrosio o di uno dei titolari (ad oggi lontana, ma non impossibile).
In carriera ha ricoperto più ruoli, tra cui terzino destro e mediano, ma la sua posizione naturale è quella di centrale di difesa. La sua caratteristica principale è la forza fisica (è alto 1.91 m) ed è abile nell’impostazione da dietro. Può essere impiegato sia al centro di una difesa a 3 come perno basso o come braccetto destro (quest’anno sta giocando a 4).

Il ‘Gladbach lo ha acquistato nel 2017 dal Borussia Dortmund per €17 milioni: oggi ne vale di più, ma la sua squadra non potrà incassare il prezzo del cartellino, mancando così la possibilità di mettere a bilancio una plusvalenza.

Quest’anno ha giocato 15 partite in Bundesliga e 2 in DFB Pokal, non mettendo a segno nessun gol. Il Borussia Monchengladbach quest’anno è una delle delusioni del campionato tedesco, con appena 2 punti di vantaggio sulla zona retrocessione dopo anni passati nelle zone più alte della classifica.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Matthias Ginter (@matzeginter28)