Roma: oggi è il giorno di Sergio Oliveira: “Pronto a dare il mio contributo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:44

Presentazione del nuovo centrocampista della Roma, Sergio Oliveira: “Qui c’è qualità, si lavora molto bene e sono sicuro che con il passare del tempo mi sentirò sempre più a mio agio”

Sergio Oliveira è un nuovo giocatore della Roma (Credit Foto Getty Images)
Sergio Oliveira è un nuovo giocatore della Roma (Credit Foto Getty Images)

Sergio Oliveira si presenta alla Roma e ai suoi tifosi. L’ex Porto, in prestito al club giallorosso fino a giugno con il diritto di riscatto valutato intorno a 13 milioni, non manca di personalità come fa vedere alla domanda del perché sia esploso così tardi: “Non tutti siamo Mbappè, campioni del mondo a 20 anni. Sono state difficoltà naturali, ma non cambierei nulla del mio percorso di crescita”.

Leggi anche —> Roma, Maitland-Niles si presenta: “Il club ci chiede di vincere”

Oliveira: “Possiamo raggiungere i nostri obiettivi”

Il centrocampista classe 1992 è stato fortemente voluto da José Mourinho per apportare un po’ di qualità e sostanza in mezzo al campo: “Dopo l’amichevole estiva ho continuato a seguire la Roma per lui, per Pinto e ho stretto rapporto con Pellegrini. Penso che possiamo raggiungere i nostri obiettivi, senza subire le pressioni esterne e andando avanti per la nostra strada, dobbiamo assumerci la responsabilità”.

Tra qualità e personalità gli viene chiesto se sarà lui il nuovo rigorista e il portoghese se la cava con il classico: “Deciderà l’allenatore. Ma io sono qui per aiutare, nella Roma ci sono giocatori bravi e di personalità come Veretout e Pellegrini. Io sono pronto a dare il mio contributo. Qui c’è qualità, si lavora molto bene e sono sicuro che con il passare del tempo mi sentirò sempre più a mio agio“.

Leggi anche —> Venezia, grande colpo di mercato: arriva il top player ex United

Il giocatore vive il trasferimento in Italia come una sfida. “Sono grato al Porto per averi fatto crescere molto. Venivamo da un periodo di cinque anni insieme, la scorsa stagione è stata la migliore per me. Ma ora sono qui per dimostrare il mio valore sia in allenamento che in partita. Voglio dimostrarlo per rimanere a lungo”.

Infine il giocatore parla di Nazionale e di obiettivi: “Il mio obiettivo è tornare in nazionale e il ct lo sa. Il Portogallo deve vincere la prima partita e poi potrebbe affrontare l’Italia, ma in ogni caso ha tutte le carte in regola per andare al Mondiale”.