Inter, il rinnovo è sempre più lontano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:10

Oltre alle manovre volte a migliorare il reparto offensivo dell’Inter, Marotta e Ausilio studiano la situazione di ogni reparto.

Nel periodo clou, con la corsa scudetto sempre più avvincente, i nerazzurri fanno i bilanci in vista della prossima stagione.

 

Marotta, Inter
Giuseppe Marotta, dirigente Inter [credit: ANSA] – Meteoweek
Per gli uomini mercato dell’Inter il compito non è facile. Data la non positiva situazione economica del patron Zhang, il lavoro di Beppe Marotta e Piero Ausilio è quello di generare introiti e plusvalenze con l’obiettivo, però, di mantenere la squadra competitiva.

Cambi in difesa

Per questo il dirigente ex Juventus e Sampdoria è sempre alla ricerca di colpi sottotraccia, occasioni a parametro zero. Come nel caso di André Onana, ingaggiato con un pre-contratto e nerazzurro al termine della stagione senza esborsi economici per il cartellino. Il reparto che ha fatto le fortune recenti dell’Inter è la difesa.

Il granitico trio, consolidatosi nella gestione Conte, potrebbe, però, dividersi. Alessandro Bastoni rappresenta il prototipo del difensore moderno, capace di difendere ed impostare. Lui è sicuramente presente e futuro dell’Inter e il club difficilmente se ne vorrà privare. Milan Skriniar ha molto mercato, piace al Tottenham già da qualche anno e, con l’arrivo di Conte, il livello di apprezzamento è senz’altro salito. L’indiziato numero uno a lasciare l’Inter, però, è Stefan De Vrij. Il difensore olandese ex Lazio non sta vivendo la sua migliore stagione e, dopo aver retto la retroguardia nerazzurra per tre anni e mezzo, oggi come non mai sembra il più sostituibile dei tre.

LEGGI ANCHE ->Bayern Monaco, si pensa ad un rinnovo monstre

Chi può sostituirlo?

Oltre a non essere più completamente al centro del progetto interista, il contratto del nazionale olandese scadrà a giugno 2023. Per questo Marotta sta seriamente pensando ad una sua cessione nella prossima finestra di mercato. Dalla vendita di De Vrij la società meneghina vorrebbe provare ad incassare una cifra tra i 15 e i 20 milioni. Juventus e Barcellona, la scorsa estate, avevano provato a sondare il terreno ricevendo un “no” secco dal club di Viale della Liberazione, che aveva già dovuto rinunciare a Conte, Lukaku e Hakimi.

LEGGI ANCHE ->Conte sollecita il Tottenham: “Dobbiamo parlare e prendere una decisione”

Le gerarchie sono però cambiate e adesso un addio di De Vrij non sarebbe così doloroso. L’Inter sfrutterebbe i ricavi della sua cessione per fiondarsi con ogni forza su uno dei migliori difensori di questa Serie A: Gleison Bremer. Il centrale del Torino è stato autore, fin qui, di una grandissima stagione. Agli ordini di Jurić, il brasiliano sembra aver compiuto quel salto di qualità che gli garantirebbe palcoscenici più importanti. La concorrenza è sicuramente alta, ma l’Inter prova a non farsi trovare impreparata.

 

De Vrij, Inter
Stefan De Vrij, difensore dell’Inter [credit: ANSA] – Meteoweek