Cagliari-Inter 1-3 | Cronaca | Tabellino | Highlights

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:08
0

Rischia di sprofondare ma alla fine riemerge l’Inter che conquista il bottino pieno a Cagliari. Incredibile serie di parate di Cragno nel primo tempo, poi prima del riposo la sblocca a sorpresa Sottil. Il Cagliari controlla il vantaggio nella ripresa ma al 77′ arriva la doccia fredda con il pareggio dell’ex Barella. Conte costretto a sostituire Hakimi (infortunato) con D’Ambrosio. E’ la mossa vincente: all’82’ il nuovo entrato sigla l’1-2 e nel finale Lukuku chiude il conto.

Romelo Lukaku, capocannoniere dell’Inter con 9 gol Photo by Martin Meissner/Pool via Getty Images)

La sintesi della partita

L’Inter rischia di sprofondare ma alla fine esce vincitore dalla delicata sfida con il Cagliari. Un match che i nerazzurri hanno ribaltato negli ultimi 13 minuti: nel primo tempo Cragno ha eretto un muro davanti alla sua porta con almeno quattro interventi decisivi a negare il gol a Sanchez e Lukaku. Il Cagliari ha provato a controllare il gioco senza sbilanciarsi troppo ma ha sofferte le incursioni nerazzurri sotto porta: solo i miracolosi interventi del suo portiere gli hanno permesso di mantenere la porta inviolata.

Quasi a sorpresa, quando lo 0-0 del primo tempo sembrava già scritto, è arrivato l’acuto rossoblù: conclusione di Sottil ribattuta da un difensore, la palla è tornata a Sottil che al volo di sinistro ha fatto secco Handanovic. Poco dopo, Pavoletti ha sfiorato il raddoppio sotto porta. Il secondo gol del Cagliari sarebbe stato troppo ingeneroso per l’Inter, rientrata negli spogliatoi sotto di un gol.

Nella ripresa, Conte ha provato subito a dare maggiore verve inserendo Hakimi al posto di uno spento Perisic. L’Inter ha premuto ma il Cagliari si è difeso con ordine senza correre grossi pericoli. Nerazzurri a trazione anteriore a metà ripresa: Conte ha rinunciato a Bastoni (un difensore) e ha inserito Lautaro Martinez (un attaccante).

Ci ha pensato però il grande ex Barella (100 partite con la maglia del Cagliari) a trovare lo spunto vincente per battere Cragno. L’1-1 arriva al 77′ quando i rossoblù sembravano aver trovato i giusti automatismi per impedire agli avversari di avvicinarsi alla porta.

Qualche minuto dopo, all’82’, Hakimi è costretto a lasciare il campo per infortunio. Conte ha l’intuizione giusta: dentro D’Ambrosio, specialista in gol decisivi. E infatti, dopo 120 secondi, il terzino ha subito ripagato la fiducia del mister e ha insaccato sul secondo palo di testa la rete del sorpasso.

Sette minuti in cui il vento è completamente cambiato: Di Francesco a questo punto ha tentato il tutto per tutto (dentro Simeone all’89’ per Carboni) e l’Inter ne ha approfittato per chiudere il conto con il suo capocannoniere Lukaku. Nono centro stagionale per il belga in pieno recupero e tre punti in ghiaccio.

Dopo l’addio all’Europa l’Inter doveva vincere e ce l’ha fatta pur senza brillare ma con pieno merito. Per il bel gioco c’è tempo.

Il tabellino

CAGLIARI (4-2-3-1): Cragno; Faragò (67′ Klavan), Walukiewicz, Carboni (89′ Simeone), Lykogiannis; Marin, Rog; Zappa, Joao Pedro, Sottil (67′ Nandez); Pavoletti. Allenatore: Di Francesco.

INTER (3-5-2): Handanovic; Skriniar, De Vrij, Bastoni (72′ Lautaro Martinez); Darmian (58′ Young), Barella, Brozovic, Eriksen (58′ Sensi), Perisic (46′ Hakimi, 82′ D’Ambrosio); Lukaku, Sanchez. Allenatore: Conte.

ARBITRO: Pasqua di Tivoli. Assistenti: Bindoni e Raspollini.

Marcatori: 42′ Sottil (C); 77′ Barella (I); 84′ D’Ambrosio (I); 93′ Lukaku (I).

Ammoniti: Faragò e Pavoletti (C); Darmian (I).

 

LEGGI ANCHE -> Cagliari-Inter | Conferenza Stampa | Di Francesco | “Inter ferita? Mi interessa poco”

LEGGI ANCHE -> La vigilia di Cagliari-Inter | Conferenza stampa Conte | “Troppa negatività, ci vuole pazienza”

LEGGI ANCHE -> Cagliari-Inter | Sottil punta in alto | “Massimo rispetto ma noi vogliamo vincere”

Precedenti e curiosità

Sfida numero 81 tra Inter e Cagliari. Il bilancio degli 80 precedenti è di 38 successi nerazzurri, 14 sardi e 28 pareggi: 134 i gol realizzati dall’Inter, contro gli 81 dei rossoblù.
Cagliari e Inter si affrontano alla Sardegna Arena nell’anticipo delle 12.30. Nerazzurri debilitati da diverse assenze a centrocampo e con il morale sotto i tacchi dopo l’uscita da tutte le competizioni europee. Non stanno meglio i rossoblù che non vincono da tre gare.

L’Inter vanta il miglior attacco del campionato (26 gol segnati), il Cagliari una delle peggiori difese (20 gol incassati, solo Torino, Crotone e Benevento hanno fatto peggio).

Non mancano i motivi d’interesse legati a questo match: Di Francesco dovrebbe concedere minuti importanti a Simeone (bloccato dal coronavirus per 20 giorni), Conte potrebbe finalmente affidarsi a Eriksen dal primo minuto.

Curiosità: Lautaro Martinez sempre a bersaglio nelle quattro sfide giocate contro il Cagliari e sempre di testa.

Gli highlights della partita

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here