Grosjean, che gioia: di nuovo in pista in IndyCar

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:31
0

Romain Grosjean correrà con la Dale Coyne Racing in IndyCar ma non disputerà le gare sugli ovali

Grosjean torna su una monoposto
Grosjean di nuovo in pista in IndyCar Credit Foto Getty Images

Romain Grosjean torna in pista, il francese correrà in IndyCar con il team Dale Coyne Racing. Dopo l’incidente della stagione scorsa in Formula 1 al GP del Bahrain (al primo giro la sua Haas va in testa coda e sbatte contro le protezioni, si spezza in due e prende fuoco) dai cui è uscito con qualche ustione alle mani e alle caviglie, il francese sale di nuovo du una monoposto effettuando il primo test e ritrovando la velocità.

Leggi anche -> Formula 1 | Grosjean toglie le bende dopo l’incidente | La foto delle mani

Grosjean: “bello essere di nuovo in una macchina da corsa”

“È stato bello essere di nuovo in una macchina da corsa. Sembrava davvero di essere a casa. È ovviamente una macchina nuova e ho dovuto adattarmi un po’ alla mia nuova posizione di guida, ma le cose si sono rapidamente sentite abbastanza lisce. Poi ho scoperto le gioie di non avere un servosterzo. Non mi pento di tutte le ore in palestra, ma forse ne farò altre, per ogni evenienza!. Abbiamo lavorato su cose diverse durante il giorno”. Durante i test il pilota ha avuto un testacoda e sull’accaduto ha detto: “Cerchi sempre di trovare il limite, cosa che ho fatto questa mattina alla curva 1, non ne ero molto contento, ma ho capito qualcosa che potresti fare in Formula 1 e non in IndyCar, quindi è stata una bella esperienza di apprendimento. Poi c’è stato molto da imparare su quando si cambiano gli ammortizzatori e gli strumenti sulla macchina, cosa fa effettivamente alla macchina, quale parte della curva. Quindi, abbiamo lavorato per farci un’idea. E anche imparare a lavorare con il mio ingegnere Olivier (Boisson) e capirci l’un l’altro quando si tratta di comunicare cosa sta facendo l’auto. È stata la nostra giornata, nel complesso è andata piuttosto bene. ”

Leggi anche -> F1: ipotesi ritorno in Africa nel 2023

Il test di martedì è stato anche un modo per vedere come le sue mani si sarebbero sentite strette attorno al volante di un’auto da corsa: “È andato tutto bene. Non è perfetto. C’è una bella vescica sul pollice sinistro, che non è carina, ma per quanto riguarda la guida andava bene. Non è stato doloroso. Stavo facendo un po’ di attenzione su alcuni cordoli, ma in generale non è stato un limite”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here