Sassuolo, De Zerbi: “Orgoglioso per le 100 panchine in A”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:20
0

L’allenatore del Sassuolo Roberto De Zerbi ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della partita contro il Napoli. 

Sassuolo, il tecnico De Zerbi in conferenza stampa (foto © Sassuolo)
Sassuolo, il tecnico De Zerbi in conferenza stampa (foto © Sassuolo)

Mercoledì alle 18.30, Sassuolo Napoli si affrontano al Mapei Stadium per la 25esima giornata di Serie A. Alla vigilia della partita, Roberto De Zerbi ha parlato in conferenza stampa: “Chiriches è fermo così come Boga e Bourabia, gli altri sono utilizzabili. Sabato abbiamo una partita importante a Udine, ma non faccio tabelle. Domani gioca la formazione che reputerò la migliore per questa partita, giovedì vedremo chi è uscito meno bene per la partita di sabato”. 

Leggi anche: Juve-Napoli, ecco la data del recupero: sarà la stessa di Toro-Sassuolo
Leggi anche: Il Napoli è la priorità di Sarri. E Gattuso potrebbe finire alla Fiorentina

Contro il Napoli, l’allenatore neroverde raggiungerà la 100 panchine in Serie A: “Sono orgoglioso, ci tengo a queste cose, le guardo, mi danno molto orgoglio e gioia. Non guardo mai quello che è stato, guardo quello che non sono riuscito a fare più che a compiacermi su quanto fatto ma arrivare a 100 panchine così prestigiose mi dà ancora più responsabilità, più voglia di essere adeguato a quello che rappresento. Sono un allenatore di A in un club comunque importante e questo mi porta a fare il mio lavoro con ancora più dedizione, più impegno, più fame, più cura nei dettagli, per raggiungere quello che si può, che è sempre difficile stabilirlo”. 

Sassuolo-Napoli, De Zerbi e l’obiettivo Europa

De Zerbi ha poi parlato dell’obiettivo Europa: “Mancano ancora tante partite. L’anno scorso nelle ultime 13 abbiamo fatto tanti punti ed è chiaro che ci sono delle partite che pesano più di altri ma di definitivo non c’è niente quando mancano tante gare alla fine. Stiamo migliorando fisicamente e stiamo migliorando nei singoli. Mi piacerebbe tornare a essere più arrembanti in fase offensiva e questo passa dallo stato fisico perché per giocare a calcio serve la palla ma servono anche le gambe per correre e serve farlo con intensità”. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here