Young Boys-Ajax 0-2: i lancieri volano ai quarti, dominio assoluto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:58
0

Lo Young Boys ha ospitato l’Ajax nella gara di ritorno degli ottavi di finale di Europa League. Allo Stadio Wankdorf gli olandesi hanno conquistato senza difficoltà il passaggio del turno, tra il 3-0 del match di andata e lo 0-2 di questa sera.

young boys ajax
Ryan Gravenberch e David Neres in lotta su un pallone con Silvan Hefti nella gara di andata (Photo by Dean Mouhtaropoulos/Getty Images)

Young Boys-Ajax | La diretta

Tra le mura amiche dello Stadio Wankdorf di Berna lo Young Boys non è riuscito in alcun modo a rimontare sull’Ajax. I lancieri hanno staccato il pass per i quarti di finale di Europa League senza alcuna difficoltà. La gara di andata era terminata con un netto 0-3, firmato dalle reti di KlaassenTadic Brobbey. In quella di ritorno la storia non è stata molto diversa. La squadra di Erik ten Hag infatti è andata subito avanti, a venti minuti dal fischio di inizio, grazie ad una rete di Neres, che ha sfruttato un assist d’oro di Tadic per mettere dentro il pallone. Nella ripresa gli svizzeri si complicano ulteriormente la vita. Al 48′, infatti, Camara tocca il pallone con la mano in area, ma il direttore di gara non assegna il calcio di rigore. Lo fa però appena un minuto dopo, con l’ausilio del VAR, a seguito di una brutta entrata di Lauper su un avversario. A trasformare dal dischetto è ancora Tadic. Può soltanto sfiorare il pallone Faivre, che non riesce a respingerlo. Al 54′ arriva invece la rete dell’orgoglio dei padroni di casa, con un cross morbido di Sierro che arriva a Nsame, il quale di testa mette la sfera in rete. Il VAR però nega la gioia alla squadra di Gerardo Seoane. La rete è annullata per posizione di fuorigioco. Nulla da fare. La gara termina sul risultato di 0-2.

Il tabellino

YOUNG BOYS – Faivre; Hefti, Camara (65′ Rieder), Lustenberger, Lefort (46′ Maceiras); Fassnacht (71′ Gaudino), Lauper, Sierro, Sulejmani (71′ Spielmann); Elia (65′ Mambimbi), Nsame.

AJAX – Stekelenburg; Rensch (80′ Schuurs), Alvarez, Martinez, Tagliafico (74′ Klaiber); Gravenberch, Klaassen, Blind (65′ Kudus); Antony (80′ Brobbey), Tadic, Neres (65′ Idrissi).

ARBITRO – Bobby Madden (Scozia). Assistenti: Stewart-McGeachie. Quarto uomo: Beaton.

Marcatori: 21′ Neres, 49′ rig.Tadic

Ammoniti: Camara, Rensch, Nsame

Le formazioni ufficiali

YOUNG BOYS – Faivre; Hefti, Camara, Lustenberger, Lefort; Fassnacht, Lauper, Sierro, Sulejmani; Elia, Nsame.

AJAX – Stekelenburg; Rensch, Alvarez, Martinez, Tagliafico; Gravenberch, Klaassen, Blind; Antony, Tadic, Neres.

La presentazione di Young Boys-Ajax

L’Ajax è ad un passo dalla qualificazione ai quarti di finale di Europa League, ma lo Young Boys non intende mollare. Allo Stadio Wankdorf di Berna, questa sera, andrà in scena la gara di ritorno degli ottavi di finale della competizione. La squadra di Erik ten Hag, nel primo atto del doppio confronto, ha conquistato la vittoria con un netto 3-0 firmato da KlaassenTadic e Brobbey. Per gli svizzeri, dunque, sarà molto dura. Gli uomini di Gerardo Seoane daranno però il massimo per conquistare la qualificazione o, quantomeno, uscire a testa alta. D’altra parte già nel precedente turno hanno dimostrato tenacia eliminando a sorpresa il Bayer Leverkusen e raggiungendo un traguardo storico. Chissà non possa accadere un’altra volta.

Probabili formazioni

Mister Gerardo Seoane dovrà fare a meno dello squalificato Aebischer e degli infortunati Camara Garcia. In dubbio anche MartinsPetignat von Ballmoos, i quali nonostante siano nella lista dei convocati non sono al meglio delle condizioni e dovrebbero con ogni probabilità restare in panchina. Il tecnico degli svizzeri, dunque, in difesa davanti a Faivre, dovrebbe schierare in mezzo Lustenberger Zesiger, con ai lati Lefort Hefti, come nell’ultima gara di campionato. A centrocampo invece ci sono maggiori scelte e lo spazio verrà dato a Fassnacht, Lauper, Sierro e Sulejmani. In avanti nessun dubbio sulla coppia composta da Nsame e Elia Meschack. Quest’ultimo ha giocato soltanto una decina di minuti nell’ultimo impegno al fine di essere al meglio questa sera,

YOUNG BOYS (4-4-2): Faivre; Lefort, Zesiger, Lusternberger, Hefti; Fassnacht, Lauper, Sierro, Sulejmani; Nsame, Elia

Mister Erik ten Hag dovrà rinunciare, oltre che al portiere Onana (squalificato per un anno per avere assunto sostanze dopanti), anche agli infortunati Mazraoui e Timber. A sostituire quest’ultimo, davanti all’estremo difensore Stekelenburg, dovrebbe essere dunque Blind, affiancando in mezzo Lisandro Martinez. Rensch e Tagliafico andranno a completare il reparto. Klassen, autore di una rete nella gara di andata, avrà le chiavi del centrocampo, affiancato probabilmente ancora una volta da Alvarez e Gravenberch. L’allenatore dei lancieri tuttavia potrebbe anche scegliere di fare un po’ di turnover. In attacco Antony, Neres e Brobbey. Quest’ultimo, che ha segnato il terzo gol degli olandesi al 90′, dovrebbe dare il cambio nell’undici titolare a Tadic.

AJAX (4-3-3): Stekelenburg; Rensch, Blind, Lisandro Martinez, Tagliafico; Alvarez, Klassen, Gravenberch; Antony, Brobbey, Neres

Leggi anche -> Young Boys-Ajax: le conferenze pre-gara di Seoane e ten Hag

Precedenti e curiosità

Young Boys Ajax, prima dell’attuale edizione di Europa League, si erano incontrate soltanto altre due volte. Anche in questo caso si è trattato di un doppio confronto, ma ai quarti della Coppa delle Coppe. Era la lontana stagione 1987/88. Sia nella gara di andata sia in quella di ritorno trionfarono i lancieri per 1-0. Nel primo atto di questa annata, invece, il vantaggio degli olandesi è stato molto più netto.

L’Ajax, nonostante sia decisamente favorito in virtù del risultato della gara di andata, dovrà stare attento alle insidie dello Young Boys soprattutto nel secondo tempo. La squadra di Gerardo Seoane, infatti, nella seconda frazione di gioco ha realizzato ben sette degli otto gol ultimi gol nella competizione. Allo stesso tempo, tuttavia, nel match andato in scena alla Johan Cruijff Arena di Amsterdam gli svizzeri hanno collezionato soltanto un tiro. Il numero più basso finora in una partita di Europa League. Per impensierire gli avversari il reparto avanzato dovrà senza dubbio darsi una mossa. Potranno approfittare, ad esempio, del fatto che i lancieri in trasferta hanno mantenuto la rete inviolata soltanto una volta su 13 negli ultimi impegni europei. Neanche la storia, inoltre, è dalle loro parti: sono trascorsi addirittura undici anni dall’ultima volta che hanno vinto due partite consecutive in trasferta in una edizione di una coppa europea.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here