Shakhtar: Castro dichiara l’obiettivo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:05
0

Lo Shakhtar è stato eliminato dalla Roma, ma il tecnico Luis Castro valuta comunque soddisfacente il percorso fatto e, senza nascondersi, dichiara l’obiettivo della stagione.

castro comunque soddisfatto
Castro ha le idee chiare sull’obiettivo di stagione

Castro esamina la stagione e dichiara l’obiettivo

Come valuteresti la stagione europea dello Shakhtar?
L’anno scorso eravamo riusciti a raggiungere le semifinali di Europa League, ora siamo arrivati ​​agli ottavi di finale. Il girone di Champions League era molto difficile: tanto è vero che siamo finiti in Europa League. A Roma, nel primo tempo, la Roma ha dominato, nel secondo siamo entrati abbastanza bene, poi la Roma ha preso il sopravvento. Oggi a Kiev ci eravamo lasciati alle spalle l’andata: abbiamo avuto le nostre occasioni, ma non abbiamo segnato. Tutto sommato, valuto questa stagione europea soddisfacente.

Il risultato sarebbe cambiato con i tifosi? Quali sono i piani della squadra per il resto della stagione e quali quelli personali? Cosa pensi di fare dopo con la squadra?

Sfortunatamente per noi, ieri sera in tarda serata abbiamo appreso che i tifosi non avrebbero potuto assistere allo stadio. All’inizio abbiamo pensato fosse strano, ma poi abbiamo approfondito lo studio di tutti i dettagli, ed è chiaro che ora in Ucraina il tasso di infezione del coronavirus è cresciuto molto. Il COVID ora governa il mondo, e detta legge in Ucraina, quindi dobbiamo rispettare questo e, ovviamente, la salute viene prima di tutto. Anche se, ovviamente, sarebbe molto più bello se i fan fossero presenti sugli spalti. Sugli obiettivi, vogliamo vincere il titolo, diventare campioni d’Ucraina.

Ci rivedremo alla prossima stagione europea allo Shakhtar? Il prolungamento del tuo contratto dipende dalla società, da te o dovrebbe essere una decisione congiunta?
Non so, al momento non ci penso. Pensiamo solo a diventare campioni dell’Ucraina, a vincere il campionato. Che è il nostro obiettivo.

LEGGI ANCHE -> Milan-Man Utd 0-1: le parole dei protagonisti nel post partita

Come migliorare la squadra?

In primo luogo, vorremmo ringraziarti per il tuo lavoro allo Shakhtar in questa stagione. In quali posizioni deve essere rafforzata la squadra per superare squadre come la Roma?
Grazie. Sui rinforzi adesso non sarebbe rispettoso parlarne, nei confronti dei ragazzi. Ne parliamo, certo, internamente col club, ma adesso non vi dirò nulla, non sarebbe corretto. Qualche piccolo cambiamento sarà fatto, abbiamo tanti giovani: i ragazzi crescono, si aggiungono ogni giorno e bisogna fare attenzione alla loro crescita, metterli in squadra per tempo. Potrei fare dei nomi, come Trubin, Dodo, Vitao, Kornienko, Cooper, Marcos Antonio, Sudakov, Tete, Solomon, Fernando, Vyunnik … Devi essere molto attento alla loro crescita. È chiaro che sono aiutati da giocatori più esperti che giocano per la nazionale ucraina e che conoscono molto bene il campionato nazionale. È molto importante valutare correttamente la situazione e valutare il loro sviluppo. Capisco la tua domanda e il tuo interesse, ha tutto il senso, ma, come ho detto, non c’è bisogno di cambiare nulla durante la stagione. Ne parleremo verso la fine dell’anno o il prossimo anno.

Nella prossima stagione, tu e lo Shakhtar vorreste rivali a livello di Real Madrid e Inter o Maccabi nelle competizioni europee? Cosa pensi sia più importante: l’esperienza per molti giovani giocatori o il risultato?
Da quando sono arrivato allo Shakhtar, abbiamo giocato 22 partite di Champions. Sono state davvero difficili, ma siamo riusciti a battere l’Atalanta, a pareggiare con il City, a Zagabria con la Dynamo, a battere il Real, a pareggiare con l’Inter… Ma io amo le sfide grandi e difficili. In questo momento potrebbero dirmi: ascolta, ma sei a quattro punti dalla Dynamo… Sì, sono indietro, ma questa è una sfida per noi. Molto spesso, questa è la mia posizione: difficile, ma non impossibile. È sempre possibile. Un’esperienza per ragazzi giovani? Sì, è molto importante. Le partite di alto livello hanno un impatto significativo sul loro sviluppo individuale e collettivo e questo non può essere evitato. Mi piacciono le squadre difficili, questo è quello che mi aspetto da un sorteggio: pescare avversari forti.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here