Torino, Ansaldi: “giocato molto meglio della Sampdoria”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:21
0

E’ stato uno dei migliori del Torino, ma la pioggia di cross arrivata dalla sua parte non ha salvato i suoi dalla sconfitta 1-0 contro la Sampdoria di oggi.

Torino Ansaldi
Il laterale del Torino, Cristian Ansaldi (Credits: Getty Images)

Ha sgroppato avanti e indietro su quella fascia sinistra su cui ha spadroneggiato. Ha messo in mezzo una marea di cross, lottato come un leone e vinto nettamente il duello con Bereszynski. Alla fine però anche Ansaldi si è dovuto arrendere alla Sampdoria oggi a Marassi. Il laterale però non ha dubbi su come si è sviluppata la gara: “il risultato è difficile da accettare, ogni gara è una finale e sappiamo quanto sono importanti i punti. Nella ripresa abbiamo giocato molto meglio di loro e creato abbastanza, dobbiamo continuare a lavorare così. Il calcio è questo, oggi loro hanno creato meno di noi e hanno vinto, mercoledì noi abbiamo vinto una partita incredibile”.

Ansaldi commenta Sampdoria-Torino 1-0

Il problema del Torino sembra essere la paura nel tentare la giocata importante e Ansaldi spiega così la situazione: “Giocare con tutta questa pressione che deriva dalla classifica non è facile. Dobbiamo continuare a lavorare con fede e Dio ci aiuterà” Il giocatore in mixed zone ha poi parlato del suo momento personale: “mi sento bene – ed è una buona notizia visti i tanti problemi fisici accusati egli ultimi tempi – e sento la fiducia del mister. Ho voglia di aiutare la squadra e tutti dobbiamo dare il meglio per farlo”.

Infine un commento sull’assetto tattico del Torino che quasi sempre inizia con il 3-5-2 ma spesso vira per recuperare il risultato su un 4-4-2 molto offensivo. E’ successo anche oggi nel secondo tempo: “mi trovo meglio con i cinque a centrocampo – conclude il giocatore del Torino – ma il mister sa che posso giocare anche in mezzo al campo se vuole”. Piena disponibilità per uno dei migliori dei granata, un giocatore che per spessore tecnico e non solo potrà essere fondamentale nella corsa alla salvezza.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here