Russell: “Ottenere un consiglio professionale è stato davvero importante”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:27
0

George Rusell, pilota della Williams dal 2019, ha raccontato di avere avuto diversi momenti difficili e la psicologia lo ha aiutato a risollevarsi

Russell: “Ottenere un consiglio professionale è stato davvero importante” Credit Foto Getty Images

Il pilota britannico, classe 1998, alla scuderia Williams dal 2019 ha dimostrato in questi anni di avere talento, anche se al volante di una monoposto poco competitiva per traguardi di metà classifica. Per rimanere concentrati e non farsi abbattere occorre tanta forza mentale. Intervistato da iNews, il numero 63 racconta dell’importanza dello psicologo che gli ha permesso di tornare in forma: “Ho avuto diversi momenti difficili e ho imparato che parlarne con la persona giusta è positivo. Ovviamente va bene parlarne con la tua famiglia e gli amici, ma ottenere un consiglio professionale è stato davvero importante. Questo mi ha permesso di tornare più forte, più in forma che mai”.

Leggi anche -> Ecco la nuova Williams. Russell: “Non penso alla Mercedes”

“Credo che tante persone, gli uomini in particolare, vedano l’aiuto della psicologia come una debolezza, ma non è assolutamente vero – continua il britannico – La tua mente è lo strumento più potente del tuo corpo. E se voglio vincere gare e campionati, non posso lasciare che mi soffermi sui pensieri negativi”.

Leggi anche -> Formula 1, si va verso la sprint race: la proposta

Russell: “Ero deluso malgrado la mia miglior qualifica

Russell ha parlato anche del Gran Premio del Sakhir dello scorso anno. In seguito alla positività al SARS-CoV-2 di Lewis Hamilton, viene chiamato dalla Mercedes a sostituire il campione del mondo in carica: “Mi sono qualificato al secondo posto. E ricordo che ero deluso malgrado la mia miglior qualifica fosse un 12esimo posto. Quel weekend mi ha insegnato che lottare per i campionati e le vittorie in futuro sarà mentalmente molto più difficile di quello che ho dovuto sopportare finendo in fondo alla griglia negli ultimi due anni. Il Bahrain è stato una benedizione: penso che tra 15 anni mi guarderò indietro dicendomi di non rimpiangere nulla”. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here