Ballardini salva il Genoa, ma il futuro è ancora incerto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:19
0

La festa salvezza è scattata a Bologna, quarta impresa di Ballardini con il Genoa, ma per l’anno prossimo tutto è ancora in bilico.

Davide Ballardini
L’allenatore del Genoa Davide Ballardini (Credits: Getty Images)

Zappacosta nel primo tempo, Scamacca nel secondo, i gol salvezza sono i loro, ma il Genoa deve ringraziare Ballardini per la matematica permanenza in Serie A festeggiata ieri con il 2-0 al Dall’Ara. Il tecnico ha preso il Grifone penultimo con soli sette punti e nel giro di cinque mesi lo ha traghettato fino all’obiettivo. Trentadue punti, otto vittorie, otto pareggi, sette sconfitte, e poi quella propensione a fare risultato in quasi tutti gli scontri diretti che rende il ravennate un cecchino quando si parla di salvezze.

Ballardini – Genoa, futuro incerto

Il Grifone e i suoi tifosi ringraziano per una stagione che finalmente non si conclude all’ultimo secondo, ma ora è tempo di pensare al futuro. Davide Ballardini ha raggiunto l’obiettivo e quindi sul contratto scatta la clausola per il rinnovo, ma non basta per essere sicuri che sarà lui il prossimo allenatore rossoblu. Lo stesso mister ieri nel post partita ha ammesso che prima di prendere ogni decisione dovrà parlare con Enrico Preziosi.

LEGGI ANCHE: Il Genoa è in salvo, festa grande: Criscito intervista Shomurodov VIDEO

Una chiacchierata a cuor leggero, ora che il Genoa è salvo, che servirà a capire le intenzioni del proprietario del club e se il rapporto, a volte turbolento in passato tra i due, potrà essere saldo come lo è stato in questi mesi. Nessuna certezza anche se la piazza spinge per la permanenza del proprio eroe “normale”, un allenatore che risolve problemi in situazioni disperate.

LEGGI ANCHE: Genoa, la fascia destra non ha un padrone, Ballardini cambia ancora

Tutto vorrebbero che ora Ballardini potesse partire con una squadra impostata da lui anche sul mercato, per capire se oltre alla quattro salvezze ci potrà essere qualcosa di più. Nessun appuntamento è ancora fissato in agenda, ma Preziosi è uomo di calcio e sa bene che la scelta dell’allenatore non può slittare più di tanto, perché appena finisce il campionato inizia il mercato e servono idee chiare, soprattutto in un momento come questo. I soldi sono pochi, servono idee brillanti e chiare.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here