Finale di Coppa Italia, torna il pubblico, ecco come entrare allo stadio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:11
0

Mercoledì 19 maggio si giocherà la finale di Coppa Italia Juventus-Atalanta al Mapei Stadium con il pubblico sugli spalti.

Finale Coppa Italia
Il Mapei Stadium di Reggio Emilia che ospiterà la prossima finale di Coppa Italia (Credits: Getty Images)

Il pubblico torna negli stadi anche in Italia. Dopo l’apertura in Inghilterra e in Portogallo, dove la prossima giornata in tutti gli stadi i tifosi potranno assistere alle gare, anche se con capienza ridotta, anche nel nostro Paese si inizia a vedere la luce in fondo al tunnel. Come già annunciato qualche settimana fa i supporters di Atalanta e Juventus e gli appassionati di Reggio Emilia potranno recarsi al Mapei Stadium per vedere la finale di Coppa Italia del 19 maggio. In totale potranno essere occupati 4.300 posti, il 20% della capienza, non molto ma è un bel segnale per il prossimo campionato.

Finale di Coppa Italia, ecco come entreranno i tifosi

I biglietti saranno messi in vendita, anche se oggi durante la presentazione dell’evento, non sono state rese note le modalità. Allo studio c’è la possibilità di stilare un protocollo per capire come fare. Quello che importa di più alle autorità calcistiche è come non trasformare una serata di festa, in un possibile problema per quello che riguarda i contagi.

LEGGI ANCHE: Atalanta, 80 paesi vestiti a festa: sale la febbre per la finale di Coppa Italia

Così l’Amministratore Delegato della Lega Serie A, Paolo De Siervo ha spiegato cosa dovranno fare i tifosi per entrare allo stadio. “Ci sarà una app chiamata Mitiga – spiega l’AD – dove caricare il proprio biglietto elettronico” utile per evitare passaggi di carta di mano in mano. In più “sarà necessario aver fatto il tampone entro quarantotto ore dalla gara” risultando negativi, ovviamente, racconta sempre De Siervo.

LEGGI ANCHE: Clamorosa decisione della Lega: esclusa la Serie C dalla Coppa Italia

Paolo De Siervo conclude il suo intervento con un plauso: “ai presidenti Gravina e Dal Pino perché è bene ricordare dove eravamo un anno fa. E se il movimento è ripartito è grazie alla coesione di questo gruppo di dirigenti sportivi, con tutti i club ovviamente”. La pandemia non è ancora alle spalle, ma i segnali sono positivi e anche lo sport ha una gran voglia di tornare, almeno in parte, come era prima. La prova generale arriverà per il nostro Paese mercoledì 19 maggio con la Finale di Coppa Juventus-Atalanta, importantissima in campo e fuori.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here