Inter, Inzaghi in conferenza: “Importantissimo vincere per qualificarci”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:52

L’Inter di Inzaghi deve vincere contro il sorprendente Sheriff per avvicinarsi agli ottavi: ecco le dichiarazioni in conferenza del mister nerazzurro.

Edin Dzeko (attaccante dell'Inter) e Simone Inzaghi (allenatore dell'Inter) (credit: Getty Images)
Edin Dzeko (attaccante dell’Inter) e Simone Inzaghi (allenatore dell’Inter) (credit: Getty Images)

Domani alle 21 l’Inter scenderà in campo per la terza partita del girone di qualificazione di Champions League. Gli avversari sono i moldavi dello Sheriff Tiraspol, incredibilmente al comando del gruppo D a punteggio pieno dopo le vittorie contro Shakhtar Donetsk e Real Madrid. I nerazzurri invece non sono partiti bene e si ritrovano solamente a un punto e 0 gol segnati in 2 partite. Per riaprire la qualificazione, l’Inter ha bisogno di una partita di spessore dopo il passo falso in campionato contro la Lazio. Inzaghi ha presentato la sfida in conferenza stampa: ecco le sue dichiarazioni.

LEGGI ANCHE –> Milan, Pioli chiaro in conferenza: “Ibra non ha tanti minuti nelle gambe”

LEGGI ANCHE –> Krajinovic, connazionale di Djokovic: “Novak sarà con noi”

Inter, la conferenza stampa di Inzaghi

“Dobbiamo vincere e rimettere in ballo la qualificazione”

Inzaghi sa benissimo che una bella fetta di qualificazione della sua squadra dipende dalla doppia sfida contro lo Sheriff. La squadra a bocce ferme più abbordabile della competizione, e alla sua prima partecipazione, ha sorpreso tutti ritrovandosi a 6 punti in due partite. L’intensità e l’aggressività dell’Inter dovrà essere alla pari di quella dei moldavi, per poi far uscire la maggiore qualità. Per questo motivo i nerazzurri già a San Siro hanno bisogno di una prova convincente che riapri i giochi per la qualificazione.

“C’è rammarico per la sconfitta contro la Lazio ma ho una squadra di vincenti”

La rabbia per la partita di sabato è ancora nell’aria alla Pinetina; infatti alcuni episodi hanno indirizzato il match dalla sponda biancoceleste. Eppure Inzaghi ha ribadito l’ottima prova per un’ora da parte della sua squadra, che dopo il gol di Felipe Anderson ha però un po’ mollato psicologicamente. L’Inter ha bisogno di essere dentro la partita per tutti i 90 minuti e il mister ha fiducia che i suoi sapranno reagire fin da subito.

“Giocherà chi è nelle migliori condizioni”

Non si sbilancia sulle scelte di formazione l’allenatore nerazzurro. Nonostante questo ammette che qualche cambio per forza di cose dovrà esserci. Scontato il ritorno di Lautaro Martinez al centro dell’attacco insieme a Dzeko, con Perisic dirottato nuovamente sulla fascia sinistra. Dovrebbero esserci dal primo minuto anche Dumfries e Calhanoglu, partiti dalla panchina nel match dell’Olimpico.

“Abbiamo il miglior attacco della Serie A e lo dimostreremo anche in Champions”

L’Inter in questa stagione non è ancora riuscita a segnare un gol nelle prime due partite del girone. Una statistica che ha dell’incredibile se si pensa che in Serie A i nerazzurri viaggiano con una media di quasi 3 gol a partita. Secondo Inzaghi l’importanza della competizione potrebbe frenare un pochino i suoi giocatori, ma è convinto che scendendo in campo con il giusto atteggiamento l’Inter abbia le potenzialità per far male a chiunque.