Giro d’Italia: completato il percorso dell’edizione 2022

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:00

È stato completato il percorso della 105esima edizione del Giro d’Italia, la quattordicesima edizione che partirà dall’estero

Bernal vincitore dell'edizione 104 del Giro (Credit Foto Giro d'Italia Twitter)
Bernal vincitore dell’edizione 104 del Giro (Credit Foto Giro d’Italia Twitter)

Il percorso della 105esima edizione del Giro d’Italia è completo. 7 tappe per velocisti, 6 di media montagna, 6 di alta montagna e 2 cronometro individuali. 3410,3 chilometri da percorrere e circa 51.000 metri di dislivello. La corsa prenderà il via venerdì 6 maggio da Budapest, in Ungheria. La Grande Partenza, la quattordicesima dall’estero, prevede due frazioni in linea e una cronometro individuale. Sarà Verona a ospitare il Gran Finale della Corsa Rosa. Sarà la quinta volta che il Giro termina nella città veneta, era già accaduto nel 1981, 1984, 2010 e 2019. In tutte le occasioni si è svolta una cronometro individuali.

Leggi anche —> Bernal vince l’edizione 104 del Giro d’Italia

Ganna: “Giro interessante”

Filippo Ganna, Campione del Mondo a cronometro, ha commentato: “Il Giro d’Italia 2021 è partito in Rosa per me a Torino e finito in Rosa per il team con Egan Bernal: sarebbe bello ripetersi anche l’anno prossimo“. Secondo il piemontese dopo la volata della prima tappa, probabilmente, chi conquisterà la crono di Budapest porterà la Maglia Rosa per qualche giorno. Poi la crono finale con l’arrivo all’Arena di Verona sarà spettacolare e decisiva per incoronare il vincitore della Corsa Rosa 2022. “Sarà un Giro molto interessante“.

Leggi anche —> Giro d’Italia: impresa di Caruso la 20° tappa è sua

Anche il Presidente del RCS MediaGroup, Urbano Cairo ha esplicitato: “Il Giro d’Italia l’anno prossimo festeggerà 105 edizioni con un percorso che andrà da Budapest a Verona. Questo numero fa già capire l’importanza della Corsa Rosa per il mondo dello sport e per il nostro Gruppo. Per la quattordicesima volta partirà dall’estero a testimonianza della sua vocazione internazionale“. Cairo evidenzia che le due edizioni precedenti, nonostante il periodo difficile vissuto, hanno dato grandi risultati sportivi e di seguito.

Questo ha mostrato ancora di più la consapevolezza dell’amore per il Giro da parte del pubblico dei 5 continenti e di tutti i grandi atleti che hanno partecipato alla Corsa rendendola spettacolare fino all’ultima tappa. “La prossima edizione sarà una delle più dure degli ultimi anni con i suoi 51.000 mt di dislivello totale. Toccherà salite che hanno fatto la storia del ciclismo quali Mortirolo, Pordoi, Marmolada rendendo ancora una volta unico il viaggio del Giro”.