Salernitana – Venezia 2-1: cronaca del match e tabellino

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:57

Il recupero della ventesima giornata, la sfida salvezza tra Salernitana e Venezia finisce 2-1 per i padroni di casa.

La Salernitana di Davide Nicola esce per la prima volta dalla zona retrocessione battendo il Venezia.

 

La Salernitana di Nicola - credits: Ansa Foto. Sportmeteoweek
La Salernitana di Nicola – credits: Ansa Foto. Sportmeteoweek

Padroni di casa che scavalcano il Cagliari portandosi a 29 punti in classifica, +1 sui sardi proprio prima dello scontro diretto. Quarta vittoria nelle ultime 5 partite per i campani.

Venezia che rimane fermo a 22 punti, sette dalla quartultima (proprio la Salernitana) con 9 punti rimanenti a disposizione. Un’impresa impossibile per i veneti che collezionano la decima sconfitta consecutiva e con ogni probabilità torneranno in B.

LEGGI ANCHE -> Inter-Empoli: probabili formazioni, precedenti e curiosità

Salernitana – Venezia 2-1: cronaca del match

Primo tempo

La partita si sblocca subito. Dopo appena tre minuti di gioco il tentativo di Fazio, salito per il corner, è murato da Ceccaroni con la mano. Dal VAR richiamano l’arbitro che decreta il penalty che Bonazzoli trasforma con freddezza incrociando con il sinistro con Maenpaa che rimane immobile al centro della porta.

Al 22′ ancora su sviluppi di corner la palla arriva a Ederson, che piazza un colpo di tacco stranissimo che finisce però di poco a lato. Al 26′ il primo squillo del Venezia con la conclusione di Aramu che sfrutta un rimpallo nato da una rimessa laterale, ma viene murato dalla difesa granata.

Al 31′ la Salernitana ha un calcio di punizione dalla distanza. Se ne incarica Radovanovic che sul tocco del compagno scarica un destro violento ma centrale, parato da Maenpaa. Pochi minuti dopo dopo un’azione insistita è Coulibaly ad arrivare alla conclusione, ma tira col corpo all’indietro e la palla finisce altissima.

Al 38′ la Salernitana va vicinissima al raddoppio. Su un calcio di punizione arriva la rovesciata di Gyomber che diventa un assist per Bonazzoli, che rimette al centro dove Fazio buca e Djuric trova il tiro che è parato sulla linea da Caldara. Sul capovolgimento di fronte una bella azione degli ospiti sull’asse Henry-Okereke con il nigeriano che viene murato da Sepe.

Al 42′ sugli sviluppi da corner c’è ancora un’occasione per la squadra di casa con il tiro al volo mancino di Radovanovic, con la palla che però termina alta.

Immagine dalla partita - credits: Foto dal Web. Sportmeteoweek
Immagine dalla partita – credits: Foto dal Web. Sportmeteoweek

Secondo tempo

Il secondo tempo inizia con una punizione dalla distanza per il Venezia, con la conclusione mancina di Mattia Aramu che tira forte ma non inquadra la porta difesa da Sepe. Il Venezia cresce e al 57′ costruisce una buona occasione con la conclusione da fuori di Okereke, parato da Sepe in corner. Un minuto dopo però sul cross di Aramu Caldara impegna il portiere dei campani che compie un grande intervento, ma sulla ribattuta arriva Henry che mette dentro per il gol dell’1-1.

Subito dopo la reazione della Salernitana con la conclusione al volo di Bonazzoli deviata verso la porta da Ederson ma parata dal portiere veneziano. Al 64′ Caldara ci prova ancora ma la palla termina di poco fuori. Al 67′ paga il cambio operato da Nicola, dato che il rimpallo di Ederson favorisce Verdi che sbatte in porta con il sinistro per il nuovo vantaggio granata.

Al 71′ ci prova Aramu direttamente dalla bandierina, Belec entrato per l’infortunato Sepe però è bravo a bloccare il pallone. Al minuto 82 una punizione per il Venezia dal limite dell’area pericolosissima. Sul pallone Aramu fa girare il sinistro che finisce a fil di palo alla sinistra di Belec.

LEGGI ANCHE -> Genoa-Juventus: probabili formazioni, precedenti e statistiche

Salernitana – Venezia 2-1: tabellino

Gol: 7′ rig. Bonazzoli (S), 58′ Henry (V), 67′ Verdi (S)

Salernitana(3-5-2): Sepe (64′ Belec); Gyomber, Radovanovic, Fazio; Mazzocchi, Ederson, Bohinen, L.Coulibaly (62′ Kastanos), Zortea (74′ Ruggeri); Bonazzoli (62′ Verdi), Djuric (84′ Perotti). A Disposizione: Russo, Capezzi, Di Tacchio, Dragusin, Gagliolo, Mikael, Obi, Perotti. Allenatore: Davide Nicola.

Venezia(3-4-1-2): Maenpaa; Svoboda (75′ Nsame), Caldara, Ceccaroni; Mateju (84′ Johnsen), Peretz (63′ Crnigoj), Ampadu, Haps (46′ Ullmann); Aramu; Henry, Okereke (63′ Busio). A Disposizione: Bruno, Cuisance, Fiordilino, Kiyine, Makadji, Nani, Tessmann Allenatore: Andrea Soncin.

Ammoniti: 5′ Ceccaroni (V), 52′ Mateju (V), 54′ Ederson (S), 61′ Svoboda (V), 69′ Busio (V), 77′ Bohinen (S), 89′ Ampadu (V), 94′ Henry (V)

Espulsi: 90′ Ampadu (V)