Pordenone-Ascoli 1-1: Ciurria protagonista, Dionisi innescato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:07

La partita della venticinquesima giornata di Serie B fra Pordenone e Ascoli si apre con il dominio neroverde. I ragazzi di Sottil riescono a riprenderla nel secondo tempo, dove però non riescono ad andare oltre il pareggio.

Da destra in primo piano: Karlo Butic del Pordenone in un'azione di gioco con Gianmarco Cangiano dell'Ascoli, 31 ottobre 2020 (foto © Ascoli Calcio 1898)
Da destra in primo piano: Karlo Butic del Pordenone in un’azione di gioco con Gianmarco Cangiano dell’Ascoli, 31 ottobre 2020 (foto © Ascoli Calcio 1898)

Pordenone Ascoli 1-1 | Cronaca della partita

>Primo tempo 1-0: Ciurria corsaro, brividio Dionisi

La gara entra subito nel vivo: al 7′ Dionisi si avvicina al gol su assist di Stoian. È sempre Stoian ad invocare il rigore un minuto dopo, ma l’arbitro Maggioni indica di continuare. Inaspettato arriva il vantaggio del Pordenone, quando Ciurria riesce ad imbucare per l’1-0 e Leali, nonostante ci arrivi con le mani, non riesce a fermare la sfera.

La partita procede a fiammate, con la squadra ospita che riesce a reagire alle scorribande avversarie sulle fasce solo negli ultimi minuti. Dionisi entra in partita e diventa finalmente pericoloso negli ultimi minuti, quando il suo tiro accarezza l’esterno della rete avversaria e sfiora il pareggio.

>Secondo tempo: prima rete con l’Ascoli per Mosti

Nella ripresa i neroverdi sostituiscono Chrzanowski con Berra. Il difensore è stato protagonista di due duri interventi su Pucino, sui quali l’arbitro Maggioni si è rifiutato di ricorrere alla doppia ammonizione. Tutto l’Ascoli si tuffa subito nell’area avversaria, e si assiste ai tentativi di Dionisi che non riesce a sfondare la porta avversaria.

È Mosti a firmare il pareggio 1-1 al 68′: Dionisi innesca l’azione smistando su Buchel. Il numero 17 mette la palla in rete con un tiro che attraversa in diagonale tutta l’area. La partita prosegue con diverse decisioni arbitrali che sollevano le proteste delle panchine ed i bianconeri crescono fino a ribaltare le statistiche della gara, ma non vanno oltre il pari.

Pordenone Ascoli | Tabellino | Classifica

PORDENONE-ASCOLI: 11′ Ciurria (P), 68′ Mosti (A).

PORDENONE (4-3-1-2): Perisan; Chrzanowski (46′ Berra), Camporese, Vogliacco, Barison (76′ Stefani); Zammarini, Misuraca, Magnino (69′ Rossetti); Musiolik; Ciurria, Butic (38′ Morra). All.: Tesser.
A disposizione: Banse, Bindi, Biondi, Passador.

ASCOLI (4-3-1-2): Leali; D’Orazio, Avionitis, Brosco, Pucino; Danzi, Saric, Caligara (64′ Buchel); Stoian (46′ Bajic); Dionisi, Cangiano (60′ Mosti). All.: Sottil.
A disposizione: Corbo, Eramo, Lico, Pinna, Quarantea, Sarr, Venditti.

ARBITRO: Lorenzo Maggioni di Lecco.

AMMONITI: 21′ Chrzanowski (P), 39′ Barison (P), 45’+3′ Pucino (A).

Questa la classifica della Serie B al termine di Pordenone-Ascoli del 27 febbraio:

 


Leggi anche le interviste post-partita:

Pordenone Ascoli | Formazioni ufficiali

Sorprende la decisione di Sottil di lasciare in panchina la colonna difensiva Quaranta, a cui è applicato il turnover con Avionitis. In entrambe le squadre ci sono dei significativi cambiamenti tattici rispetto alle precedenti gare, anche se entrambe le formazioni confermano il modulo 4-3-1-2.

Ecco le formazioni ufficiali di Pordenone-Ascoli:

PORDENONE (4-3-1-2): Perisan; Chrzanowski, Camporese, Vogliacco, Barison; Zammarini, Misuraca, Magnino; Musiolik; Ciurria, Butic. All.: Tesser.
A disposizione: Banse, Berra, Bindi, Biondi, Morra, Passador, Rossetti, Stefani.

ASCOLI (4-3-1-2): Leali; D’Orazio, Avionitis, Brosco, Pucino; Danzi, Saric, Caligara; Stoian; Dionisi, Cangiano. All.: Sottil.
A disposizione: Bajic, Buchel, Corbo, Eramo, Lico, Mosti, Pinna, Quarantea, Sarr, Venditti.

Pordenone Ascoli | Probabili formazioni

Ci sono grosse probabilità che le due squadre giochino a specchio nella gara del 27 febbraio. I ragazzi di Sottil contano numerose assenze nel reparto offensivo, fra cui spicca senz’altro l’infortunio del fantasista Sabiri. Il Pordenone, invece, sentirà la mancanza del proprio tecnico, che dovrà scontare la seconda e ultima giornata di squalifica.

Ecco le probabili formazioni di Pordenone-Ascoli:

PORDENONE (4-3-1-2): Perisan; Falasco, Camporese, Vogliacco, Berra; Rossetti, Misuraca, Magnino; Biondi; Ciurria, Diaw. All.: Tesser.
Indisponibili: Bassoli, Calo, Finotto, Pasa, Tesser (squalificato).

ASCOLI (4-3-1-2): Leali; Pinna, Quaranta, Brosco, Pucino; Saric, Eramo, Buchel, Saric; Cangiano; Dionisi, Bajic. All.: Sottil.
Indisponibili: Bidaoui, Kragl, Sabiri, Simeri.

Pordenone Ascoli | Convocati

Questi i convocati di Tesser e Sottil per la partita di Serie B del 27 febbraio:

Pordenone Ascoli | Precedenti e curiosità

Le statistiche suggeriscono all’Ascoli di stare molto attenta a non prendere ulteriori cartellini rossi durante la partia con il Pordenone. Mentre infatti i bianconeri guidano la classifica delle espulsioni ottenute in Serie B, è contro il Pordenone che gli arbitri hanno sanzionato il maggior numero di cartellini rossi.

Sarà interessante vedere come le compagini cercheranno di sbloccare la partita, da momento che nelle ultime due giornate di campionato hanno perso entrambe e non hanno segnato neanche una rete. L’Ascoli, che ha problemi di infortuni in attacco, è la squadra che manda in gol meno giocatori assieme al Pescara, Entella e Cremonese.


Leggi anche le conferenze stampa pre-partita:

Si tratta della quarta volta che Pordenone e Ascoli si affrontano: secondo le statistiche, il risultato più probabile è la vittoria dei padroni di casa. L’ex più importante della gara sarà proprio l’allenatore Sottil, che da luglio a novembre 2006 si è seduto sulla panchina della squadra marchigiana, allora militante nella Serie A.

Arriva pochi giorni prima dell’incontro fra Pordenone e Ascoli l’analisi del CIES che ha selezionato i 10 calciatori Under 23 con più esperienza ma non ancora convocati dalla Nazionale. Al settimo posto si è classificato Alessandro Vogliacco, difensore centrale spendibile anche come terzino di soli 22 anni.