Roma-Napoli 0-2: cronaca, tabellini e classifica

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:39
0

Il Napoli espugna l’Olimpico. Il “Derby del Sole” se lo aggiudica la squadra di Gattuso, grazie ad una doppietta di Dries Mertens. La cronaca, i tabellini e la classifica aggiornata.

Roma-Napoli
Un momento della gara di andata

La cronaca

Primi 15 minuti di marca partenopea, possesso palla e fraseggi, la Roma attende. La prima conclusione è di Dzeko, ma è un passaggio ad Ospina (16′). Sei minuti dopo Zielinski non approfitta di un regalo di Cristante, concludendo a lato. Napoli in vantaggio su punizione al 27′, con Mertens. La Roma non entra in partita ed è castigata ancora dal belga, al 34′. Il primo segno di reazione giallorosso arriva due minuti dopo con Cristante che di volo impegna Ospina in una deviazione in tuffo. Il primo tempo va in archivio con la Roma assente ingiustificata. Nel secondo tempo la Roma prova a rimettersi in partita, ma il tiro di Pellegrini al 60′ finisce sul palo. Il Napoli si difende ordinatamente ed i giallorossi non appaiono in grado di invertire l’inerzia dell’incontro. Il risultato non cambia più, Gattuso espugna l’Olimpico.

Roma-Napoli: le formazioni ufficiali

ROMA (3-4-2-1): Lopez, Mancini, Cristante, Ibanez, Karsdorp, Diawara (67′ Villar), Spinazzola, Pellegrini (83′ Kumbulla), Pedro (67′ Carles Perez), El Shaarawy, Dzeko (67′ Mayoral).
All. Fonseca.

NAPOLI (4-2-3-1): Ospina, Hysaj, Maksimovic (86′ Manolas), Koulibaly, Mario Rui, Demme, Fabian Ruiz, Politano (73′ Lozano), Zielinski (73′ Elmas), Insigne (86′ Bakayoko), Mertens (67′ Osimhen).
All. Gattuso.

Marcatori: 27′ e 34′ Mertens

Ammoniti: 26′ Ibanez, 45′ Mancini, 47′ Zielinski, 59′ Diawara, 63′ El Shaarawy, 78′ Koulibaly, 85′ Villar, 90+1 Osimhen

La classifica

 

QUI ROMAFonseca schiera Pau Lopez tra i pali con Cristante al centro della difesa a tre composta da Mancini ed Ibanez. A centrocampo spazio alla coppia Diawara–Villar in cabina di regia. Spinazzola e Karsdorp agiranno sugli esterni. Sulla trequarti Pellegrini ed El Shaarawy agiranno alle spalle di Edin Dzeko che pare in vantaggio su Borja Mayoral. Non disponibili Bruno Peres per squalifica, oltre a Mkhitaryan, Smalling, Veretout, Zaniolo e Juan Jesus.

QUI NAPOLI – Gattuso conferma Ospina tra i pali contro la Roma. Con Manolas ancora non al top la linea difensiva sarà composta da Maksimovic e Koulibaly al centro con Hysaj e Mario Rui sugli esterni. A centrocampo spazio a Demme e Fabian Ruiz. Insigne, Zielinski e Politano comporranno la batteria dei trequartisti alle spalle dell’unica punta che dovrebbe essere Mertens. Assenti gli indisponibili Petagna, Lobotka, Rrahmani e Ghoulam, in aggiunta a Di Lorenzo, fermato dal Giudice Sportivo.

Roma-Napoli: i convocati

Ecco le scelte di Fonseca: Pau Lopez, Mirante, Fuzato, Karsdorp, Ibanez, Santon, Reynolds, Fazio, Mancini, Kumbulla, Spinazzola, Calafiori, Cristante, Pellegrini, Villar, Pastore, Diawara, Dzeko, Pedro, Borja Mayoral, Perez, El Shaarawy

Ecco la lista diramata da Gattuso: Meret, Ospina, Contini, Hysaj, Koulibaly, Maksimovic, Manolas, Mario Rui, Demme, Elmas, Fabian Ruiz, Zielinski, Bakayoko, Lozano, Politano, Insigne, Mertens, Osimhen, Cioffi (maglia 58), Zedadka (maglia 3), Costanzo (maglia 38).

Roma-Napoli: i precedenti

Sarà la sfida numero 148 tra Roma e Napoli in Serie A. E’ la 74esima edizione in casa giallorossa. Questo il bilancio dei 73 precedenti a Roma: 33 vittorie Roma, 28 pareggi, 12 successi Napoli.
L’ultima volta che la Roma ha preso i tre punti in casa è l’andata del campionato 2019-20, Roma-Napoli 2-1. Invece l’ultimo successo partenopeo all’Olimpico risale alla stagione 2018-19: finì 1-4.
È dall’aprile 2012 che una sfida all’Olimpico tra Roma e Napoli in campionato non si chiude in parità: da allora cinque vittorie giallorosse e tre azzurre.
Gattuso imbattuto contro la Roma: 5 i precedenti tra Gattuso e la squadra giallorossa. Il bilancio è di 4 vittorie per il tecnico calabrese e un pareggio.

Qualche curiosità sul direttore di gara: Di Bello ha arbitrato anche il match dell’andata, vinto 4-0 dai partenopei. Quando dirige gli azzurri, il Napoli non pareggia mai: su 14 volte, 11 successi e 3 sconfitte per i campani.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here